ULTIM'ORA

Lazio, 63 a processo: coltelli e asce!

lazio-scontri-con-la-polizia-a-varsavia-fermati-120-tifosi-818676

di Matteo Talenti – Sono ancora 137 i della Lazio arrestati in Polonia per gli scontri di Varsavia. per direttissima a 63: 36 rispondono di aggressione alla polizia, 27 di adunata sediziosa.
La polizia polacca ha mostrato alla stampa gli oggetti trovati in possesso dei biancocelesti: alcuni coltelli, un’ascia e un casco.

Ma che e …come è possibile andare in giro per l’Europa facendosi arrestare per guerriglia?
L’Uefa vieti immediatamente le trasferte ai della Lazio come verso chiunque faccia nefandezze di questo genere. Il già tanto marcio per il business esasperato che anima tutti i suoi attori ha bisogno di ripulirsi non di continuare a fare disastri.

I 197 laziali fermati, secondo la polizia polacca, azzerano la vittoria per 2-0 della Lazio contro il Legia di .

I FATTI. Intorno alle 16, in via Ulica Marszalkowska (pieno centro città) i supporter laziali hanno iniziato un lancio di pietre e bottiglie contro le forze dell’ordine. Sono stati quindi circondati dagli agenti in tenuta antisommossa. In 120 saranno processati per direttissima. Petkovic ammette: “Questo non è ”.

Il tutto è cominciato alle prime luci del giorno quando cinque biancocelesti, che erano appena rientrati in albergo, sono stati aggrediti da alcuni supporter del Legia che hanno anche fatto irruzione all’no dell’hotel.

Immediato l’vento della polizia polacca, che ha perquisito tutte le stanze dei della Lazio trovando un borsone nente alcuni oggetti contundenti. Di qui la decisione di fermare i 17 biancocelesti che alloggiavano nell’albergo per poi processarli per direttissima. A parte uno, sono stati liberati tutti, con obbligo di tornare in Italia e con il divieto di assistere alla partita.

La questione non è però finita qui, perché nel pomeriggio, intorno alle 16, in Ulica Marszalkowska, i laziali hanno cominciato a lanciare pietre e bottiglie contro le forze dell’ordine. Circondati dagli agenti in tenuta antisommossa, in 180 sono stati fermati e condotti nelle varie stazioni di polizia per essere rogati. Di questi, una sessantina sono stati rilasciati tra il primo e il secondo tempo della partita, mentre gli altri finiranno sotto per direttissima domattina.

Fortunatamente all’no dello o non è successo nulla.
Le due tifoserie non sono entrate in contatto e la partita, sotto il profilo dell’ordine pubblico, è finita via liscia.
Adesso vorremmo dire a – che pretende 50 milioni di buonuscita dal – se snobbare la razzialità territoriale è utile a questo schifo!

LA VIOLA. Per la statisctiche, assolutamente insignificante lo 0-0 della già qualificata ai sedicesimi di EuroLegue contro il Pecos.