ULTIM'ORA

Lake Louise, Super G: trionfa Lara Gut, 3° podio. Goggia terza.

C_29_articolo_1129788_upiImgPrincipaleOriz

Altra ottima prova di So Goggia che centra il nel Super G di Lake Louise: per la 24enne bergamasca si tratta del terzo podio in carriera in . A vincere la gara è Lara Gut che, col tempo di 1’02″68, trionfa beffando per 10 centesimi Tina Weirather. Nella top ten entra anche Nadia Fanchini, nona al traguardo. Il podio di Lake Louise consente alla Goggia di conservare il in classica generale.
Terzo podio stagionale complessivo e secondo in tre giorni per So Goggia che, dopo avere brillato in discesa sempre a Lake Louise e in gigante a Killington, conferma il suo momento magico conquistando un prezioso in Super G con un rido di 59 centesimi da Lara Gut. Per la bergamasca il podio ha un sapore speciale, addirittura storico: prima di lei solo Isolde Kostner nel 1995-96 e Deborah Compagnoni (nel 1991-92 e nel 1995-96) erano riuscite a classicarsi tra le prime tre in tre discipline diverse in un’unica stagione. Tra le altre azzurre la migliore è Nadia Fanchini, nona, mentre tra le prime trenta si piazzano anche Johanna Schnarf (18esima), Francesca Marsaglia (22esima), Elena Curtoni (24esima), Brignone (27esima) ed Elena Fanchini (30esima).

Fa festa anche e soprat Lara Gut: la svizzera, campionessa uscente, mette tutti in la chiudendo col sorriso una tre giorni canadese che nora non le aveva regalato grandi gioie. E il successo, davanti a un’ottima Tina Weirather solo dieci centesimi più lenta, le regala 100 punti pesanti in classica generale che le consentono di accorciare sensibilmente le distanze dalla leader Mikaela Shiffrin, solo 34esima a Lake Louise e fortemente penalizzata da una tta nevicata che si è intensicata al momento della discesa delle sciatrici col pettorale più alto. Proprio le condizioni atmosferiche hanno pesantemente condizionato la gara costringendo gli organizzatori a far slite di oltre un’ora la partenza. Ai piedi del podio si piazzano la svedese Kajsa Kling (quarta), la slovena Ilka Stuhec (quinta) e la tedesca Viktoria Rebesburg (sesta).