ULTIM'ORA

L’aggressione a R.P. non è dei tifosi: Digos spegne le vendette di Napoli.

Calcio: Serie A; Napoli-Cagliari

di Nino Campa – Un giovane no di 36 anni, con lievi ferite di arma da taglio all’anca e alla coscia sinistra, è stato medicato e poi dimesso con una prognosi di 5 giorni nell’ospedale Loreto Mare di . L’accoltellamento si è verificato in piazza Garibaldi, nei pressi della stazione FS. Ad alcune persone, nel pronto soccorso, avrebbe riferito di essere stato ferito perché so della . Il giovane non ha presentato denuncia. Sull’accaduto indaga la Polizia.
E’ il secondo episodio di violenza contro un no a .
Il primo ai danni di un cuoco di costretto a lasciare il lavoro per la sua origine na e nista.

La Digos della questura di , dopo i primi accertamenti, fa filtrare la notizia secondo cui il ferimento di R.P., 36 anni, no, non sia da colre a rivalità tra . Proseguono le indagini per chiarire del tutto le modalità dell’episodio.
E’ ovvio che ammettere il colmento tra questi episodi di violenza e la morte di Ciro Esposito sarebbe errore grave per gli inquirenti, istigando al reiterarsi dei fatti.

Il ferito – medicato ieri in ospedale e dimesso con prognosi di 5 giorni – aveva detto ai medici di essere stato aggredito nei pressi della stazione ferroviaria di piazza Garibaldi da un gruppo di persone che lo avevano preso di mira sentendolo parlare con accento capitolino, e che ferendolo avrebbero detto “questo è per Ciro”, il so azzurro colpito gravemente fuori dello e morto dopo una lunga agonia.

Gli elementi raccolti finora dagli investigatori partenopei non confermano questa versione, a cominciare dal luogo del ferimento, che non è avvenuto a piazza Garibaldi. Si sa che R.P. era in compagnia di un amico e non si esclude che il taglio, lieve, tra l’anca e la coscia sinistra, possa essere stato provocato da cause accidentali o colto a un diverbio di natura personale.

L’esatta dinamica verrà ricostruita nelle pme ore, ascoltando il diretto essato. R.P. si trova a , e dovrà essere sentito dagli investigatori nella capitale.