ULTIM'ORA

La sveglia del Ct: porte aperte? Non tanto. Balotelli in riga o addio.

C_29_articolo_1029505_lstParagrafi_paragrafo_0_upiImgParOriz

di Chiara Benigni - Finito la stage con i 30 , parla Prandelli. “Per i 23 del Mondiale non ho ancora deciso nulla, l’unico titolare è Buffon. Tutti gli altri sono sotto osservazione, compreso”.
Parole chiare, un avvertimento da dentro o fuori. Poi l’avviso ai ‘ganti’…”Le porte dell’Italia non sono mai state chiuse ma non sono neanche troppo aperte”.
Cassano dovrà ‘dimagrire’ molto per entrarci, il che significa asciugare mente, corpo e lingua!

Prandelli spiega: “Nessuna preoccupazione ma l’esigenza di stimolare questi giocatori”. Tra ‘questi’ c’è Cassano?
“Sappiamo che Antonio è un grande talento che fa giocare bene le squadre, ma sappiamo anche che è un giocatore che devi mettere in un contesto organizzato, non devi dare solo a lui la responsabilità. Discorso che riguarda anche … Mario deve rimanere in un contesto di squadra, in un’idea di gioco e poi loro possono farti fare il salto di qualità”.

Al momento, dopo quanto visto al Vincente Caldereon, sarebbe fuori dalla . Ha 2 mesi per riconquistarla…
Proprio come il Cittì. “Quando ho detto che o trovo l’accordo per il o sto fermo significa che io e il mio staff noi non riusciamo a giocare su due tavoli. In questo momento ho in testa il Mondiale e voglio prepararlo nel migliore dei modi. Mentalmente non ce la faccio a programmare un futuro con un club. La merita rispetto, le persone che gestiscono la sono persone perbene e che forse per la prima volta hanno superato l’ostacolo del vincolo del risultato, cioè stanno proponendo al ct un ulteriore prolungamento a prescindere dal Mondiale. E’ gratificante e mi riempie di orgoglio”.

Una finestra sul futuro Prandelli la apre da ‘Unico’…
parla di a 18 e di squadre B? E’ la strada giusta: se loro sono convinti, noi lo siamo da tempo. Devono decidere. Ma al nostro servono idee, altrimenti è un prodotto invendibile”.

Su etica e morale, Cesare va a nozze. “Ha ragione Scirea, persona di buonsenso attenta all’immagine di Gaetano: era esempio del rispetto, altruismo, correttezza. Quei allo um sono deprimenti”.