ULTIM'ORA

La Roma è Totti, anche a 40 anni! Ultimo eroe e mito.

roma-samp-il-diluvio-sull-olimpico_1015558-2016

di Paolo Paoletti - Mi sono emozionato, finalmente! Qualcosa di vero, di antico, di fantastico: è l’epica del . Un che non esiste più!!!
Capisco Spalletti che sottolinea la necessità di costruire altri , lui sa che è impossibile. Perchè la pasta con cui sono stati forgiati questi calciatori è stata distrutta dal di presidenti incapaci, incompetenti, affaristi.

Pallotta, in parte tra questi, è andato vicino al suicidio la scorsa estate. Salvato dal furor di popolo che ha voluto Francesco senza se e senza ma.
Roma-Sampdoria 3-2, sono i primi 3 punti di cui il club è debitore verso il suo capitano, eroe e mito di un scomparso.
Il Pupone mi ha ricordato . Sì, Maradona. Non solo per le giocate, per le s-palle forti con cui ha vinto la paura – confessata – di tirare un di rigore al 93. Ma per come ha risvegliato l’Olimpico, il pubblico, i suoi si. Che non sono più si della Roma!!!

Con Francesco, tutto è cambiato. Tutto è stato possibile, anche rivoltare una squadra caduta nella catalessi dell’1-2 di Muriel e Quagliarella, imbanbolata sotto una piaggia torrenziale che aveva lavato tutte le convinzione iniettate da Spalletti a questo gruppo capace di tutto: giocare meravigliosamente costruendo 8 palle gol nei secondi 45 con la Samp ma altrettanto inetta nel beccarne 2 una volta andata in vantaggio.

“Come si fa essere decisivi anche a 40 anni? La testa è fondamentale e ti aiuta in tutto – dice il Pupone – Sto vivendo serenamente quest’ultimo anno da calciatore. Poi se sto così perché dovrei smettere?”
Francesco ha cominciato la sua venticinquesima stagione con la maglia della Roma firmando il gol partita contro la Sampdoria, 249° rete in . Per il capitano giallorosso è il 23° consecutivo in cui segna almeno un gol.

Non sarà fa per Spalletti portare questa Roma ino in fondo come accadde lo scorso anno.
E’ una squadra con difetti cronici difensivi, irrisolti. Ma sopratutto con poco carisma, senza leader, senza palle.

Segna Salah, poi Muriel e Quagliarella. Diluvia, stop di 80 minuti è alle 17,05 si ricomincia cpn e Dzeko in campo per El Sharaawy e Perotti. inventa , Dzeko pareggia ma Viviano salva i suoi in 5 occasioni 5.
Non al 93′ quando il capitano firma il 3-2 su rigore. Mandando l’Olimpico in delirio!

La Roma resiste a 7 punti, come il . Due sotto la Juve. Ma la classifica non inganni: Allegri ha una squadra mostre, Sarri vive alla giornata, Spalletti ha capito che non c’è ne. A meno che Francesco resusciti più spesso.

VOTI.
Juan 5. Emblema delle paure collettive del primo tempo giallorosso. In balia di Muriel e Alvarez. Il problema non è solo JJ, Spalletti corra ai ripari.
Nainggolan 5,5. Male, non è il solito: contro un Linetty modesto ma dinamico. Non il solito, ci si aspetta di più da lui.
Salah 6. A strappi, fiammate e pause, un bel gol, 3 mangiati.
Perotti 6. Ottimo inizio, poi scompare senza ritmo e poca fiducia.
8,5. A 40 anni è ancora possibile dare spettacolo: assist a ripetizione, trascina i compagni ed il pubblico alla vittoria. Semplicemente unico.
Dzeko 6,5. Fa il 2-2, si procura il secondo rigore al 93′, sbaglia 3 palle gol: lui è così, prendere o lasciare.

Viviano 8. Sfodera la migliore partita della carriera: tiene da solo il 2-2 fino al93′ con grandi parate.
Muriel 7. Un tempo formidabile, un gol formidabile: mette in crisi l’intera difesa doriana. Nella ripresa esce stremato.

TABELLINO. ROMA-SAMPDORIA 3-2
ROMA (4-3-3): Szczesny 6; Florenzi 6,5, Manolas 6, Juan 5,5 Bruno Peres 6; Nainggolan 6 (40′ st Iturbe sv), De 6, Strootman 6; Salah 6,5, Perotti 6,5 (1′ st 8,5), El Shaarawy 5,5 (1′ st Dzeko 6,5). A disp.: Allison, Lobont, Marchizza, Pamieri, Fazio, Emerson, Paredes, Gerson, Seck. All. Spalletti 6,5
SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano 8; Sala 5,5, Silvestre 6, Regini 6,5, Pavlovic 5,5 (1′ st Dodò 5, 36′ st Skirniar)); Linetty 6,5, Torreira 5,5, Barreto 6; Alvarez 6,5; Muriel 7,5 (17′ st Budimir 6), Quagliarella 6,5. A disp.: Puggioni, Krapikas, Bruno Fernandes, Erano, Pereira, Palombo, Praet, Cigarini, Schick. All. Giampaolo 6,5
ARBITRO: Giacomelli
MARCATORI: 8′ Salah (R), 18′ Muriel (S), 41′ Quagliarella (S), 16′ st Dzeko (R), 48′ st (R) su rigore
AMMONITI: De , Juan (R); Sala, Skriniar (S)