ULTIM'ORA

La Juve ‘U15′ batte il Napoli e deride: “usa il sapone…!”

Schermata 2018-06-11 alle 22.50.22-2-2

di Paolo Paoletti – L’ottimo Marco Bernardini ha scritto su ‘Il Bianconero’, della figuraccia gravissima fatta dai quindicenni della dopo la vittoria 3-0 sui pari età del Napoli, servita a raggiungere la finale scudetto di categoria.
Ha fatto benissimo e altrettanto il giornale, ovviamente bianconero, a pubblicare.
I valori dello sport vanno difesi e imposti sulla imperante deculturizzazione del calcio business che mette al primo posto sempre e solo i e quindi il risultato.
Inaccettabile comunque, figuriamoci a 15 anni. Il ragazzino della che ha postato il video sui social, causandone la diffusione, in serata si è scusato con i napoletani sul suo profilo Instragram cancellando le immagini. “Mi scuso con tutti quelli di Napoli. Era solo l’euforia e la gioia di aver vinto contro una squadra rivale. Mi scuso per questo, non volevo offendere nessuno”.
Non voleva offendere e cosa voleva fare…?
Punto 1: i nostri si rendono conto di cosa fanno e perchè?
Un coro discriminante e moda lanciata e perpetrata dal mondo degli adulti che così facendo distruggono la nostra società ed ogni riferimento di vivere comune.
Che , uno dei coristi, sia di Salerno è una aggravante nel fatto che le origini non contano più nulla e si è pronti a rinnegare ed il contrario di fagocitati dalla forza del contesto!
Eccolo il colpevole: il contesto!
Vale per i nostri figli nel quotidiano di tutti noi, ancor più nello sport che non riesce più ad arginare quanto di brutto ci circonda, per effetto di esempi tici e pompati dalla televisione.
Perchè i dovrebbero essere educati, legati ai valori, rispettosi di se stessi e del prossimo se il calcio italiano è una continua truffa mediatica alimentata da , giocatori, allenatori, giornalisti per interessi finanziari e di tornaconto personali?
Quando smetteremo di insistere sul calcio-business, sul finto spettacolo, sulla cultura del sospetto, sulla necessità del risultato e ?
Questo è stato seminato e questo ci ritroviamo: un gruppo di ragazzini i quali dopo aver vinto una partita deridono l’avversario come fosse un nemico da distruggere, non un contendente su un campo di gara!
La Juve sicuramente punirà questi ragazzi, perchè non è stata una ragazzata, ma il segno che il limite è oltrepassato da tempo. Non basterà.
Fin quando si tornerà capaci di accete che si perde per propri errori senza cercare scuse, infangare l’altro, rinnegare i valori della competizione, della lealtà, del coraggio. Insomma che si può anche perdere… ma innanzi bisogna saper vincere!!!
Idea su cui si fonda: la vita, non una partita di calcio!
Facciamocene tutti carico!

IL FATTO. I cori della under 15: “Napoli usa il sapone…”
Le promesse del Campione d’Italia dopo una vittoria in campo negli spogliatoi danno sfogo al razzismo. Grave gesto dei ssimi della . Dopo aver battuto i pari età del Napoli sono partiti negli spogliatoi i cori contro la città. “Abbiamo un sogno nel cuore, Napoli usa il sapone…”.
Coro già sentito dagli spalti dello Stadium e che ha trovato emulazione tra i piccoli calciatori bianconeri.

Il video del coro pubblicato su Instagram da uno dei ragazzi, ha fatto il giro del web in pochi minuti. Fino ad arrivare ai vertici della società bianconera che ha stigmatizzato l’accaduto.
“In seguito agli avvenimenti di -Napoli under 15, il si riserva di accere con precisione i fatti e di decidere le relative sanzioni disciplinari nei confronti dei propri tesserati” tweet apparso sull’account ufficiale della società.

di Marco Bernardini - La prima regola fondamentale dello sport in genere non è rappresentata dal successo ad ogni costo, ma da una deontologia che prevede lealtà e rispetto di comportamento. I quindicenni giocatori della hanno mortificato questo principio inviolabile e pertanto vanno condannati sotto il profilo dell’etica. Sul piano pratico, poi, spetterà alla società stabilire l’entità della punizione che toccherà fatalmente loro per aver tracimato nella maleducazione anzichè godersela piacevolmente dopo la vittoria sui coetanei del Napoli. Una misura che verrà certamente presa dalla dirigenza proprio perché nel programma socieio il progetto è quello di allevare e istruire gli uomini di domani prima ancora dei possibili campioni futuribili. Per cui la “condanna” sarà esemplare.

In ogni caso non credo proprio si debba farla troppo grossa o perlomeno occorra ingigantire un evento che, in tempi diversi da stiamo vivendo a livello sociale, sarebbe passato come una “goliardata” seppure eccessiva e fuori misura. La dice lunga il fatto che il direttore del coro fastidioso e anche un po’ razzista intonato dai campioncini nello spogliatoio sia stato Luciano ovvero un giovane che non è nato nel Veneto leghista ma a Salerno. E certamente non sarà lui neppure l’unico a vane sane origini “terrone” nella squadra bianconera. Un paradosso neppure troppo originale ricordando ciò che, sentito con le mie orecchie, mi capitò udire assistendo ad un diverbio tra due tifosi del sud uno ei quali concludeva accusando l’altro di essere uno “sporco terrone”.

Realisticamente penso che l’accaduto debba produrre sentimenti di tristezza e di autocritica. Soprat il secondo. Il comportamento, certamente esecrabile dei ragazzini bianconeri altro non è che il frutto del cattivo esempio dato loro da una società la quale, dentro gli stadi e anche nel quotidiano di strada, si trova in caduta libera verso il baratro dove sul fondo galleggiano melme assortite di violenza verbale e fisica, prevaricazione, razzismo, intolleranza e quindi maleducazione.

Gli esempi sono pressoché quotidiani cominciando dal genitore che mette le mani addosso a un insegnante che ha dato un brutto voto al figlio, passando per le cosche malavitose che usano i bambini per spacciare in strada e da coloro che vorrebbero veder affogare i migranti per arrivare al popolo delle curve (e non solo) che infangano il nome dei morti di qualsiasi bandiera.

Ecco perché sarà giusto punire i ragazzini bianconeri nella misura in cui il loro “delitto” verrà valutato in base ad una scaletta di ordine educativo e pedagogico, proprio come dovrebbe avvenire a scuola, per evie che ricadano nell’errore e che possibilmente maturino in maniera sana.

Ma il vero problema resta a monte. Nelle famiglie e nel comportamento degli adulti le cui colpe, questa volta, verranno pagate dai figli. Nessun scandalo, dunque, ma soltanto tanta pena. Per noi. Per tutti.