ULTIM'ORA

Fiorentina-Juve: in Rcs, la guerra calcio!

elkann-della-valle.JPG_415368877

di Paolo Paoletti - Il pilotato dai media: al momento non ci sono altre soluzioni ai mecenate arabi, americani, asiatici. Una volta ai presidenti bastava ingaggiare giornalisti e specialisti della comunicazione: cominciò Paolino Taveggia al , poi Bendoni alla Lazio, io stesso al , Mario Sconcerti alla Fiorentina.

Adesso in campo ci sono e testate, gruppi, il potere delle lobby come Rcs. Ultimo argine all’arrivo dei nuovi ricchi, ma non scemi.
Sono già qui, e chi si prepara a combattere questi competitor non ha denaro fresco ma le armi del consenso: giornali e tv.

E’ la battaglia finale, nata dalla crisi di liquidità, di utili, di consumi. Mediobanca con Unicredit aveva in mano tutto il , ne sta uscendo con passo veloce. Draghi ed il controllo delle banche centrali impediscono di fare come una volta: i soldi della gente usati per gli essi di pochi!

I grandi marchi fanno marcia indietro…Pirelli, per dirne una, deve pensare solo al core business. E delle prime 5, quelle in Europa, la ha Jeep di casa Fiat, fa ridere con Lete di respiro localistico, la non ha sponsor, il opzionato dagli Sceicchi espone Emirates, Lazio e Fiorentina contano come il due di coppe: la prima a maglia vuota, per la seconda pochi spiccioli da Mazda.

Nicke e Adidas seguono perchè è decisivo impegnare fette di ma con molta sofferenza. Che fare?
L’ultima di Jhon Elkann è il matrominio Corriere della Sera-Stampa. Progetto partito con Pietro Scott Jovane Ad di Rcs. A fone ottobre scadono i termini per le disdette del patto dfi sindacato, Italcementi e Pirelli – ancora Trochetti Provera – usciranno. Da qui a tre settimane si comincerà a capire di più. Proprio all’indomani di Fiorentina-.

Che c’entra Fiorentina- con tutto questo?
C’entra, c’entra…
Il futuro in comune di Corriere della Sera e Stampa realizzerebbe un’unica potentissima struttura industriale per un gruppo multimediale con due testate che coprono gran parte del territorio , con approfondimento sul Nord-Ovest: uan capacità di influenza sui poteri forti e le lobby, di raccolta pubblicitaria, di politica comunicativa e immagine, settori dove il è strumento principe. Ovviamente un vincente!

Rcs è quotata in Borsa, la Exor cassaforte della Famiglia Agnelli, ne detiene il 20%. L’Ad Scott Jovane dice: “Non confermo o smentisco voci. Ma guardando ai competitori, uno dei processi è indiscutibilmente quello del consolidamento”. Per adesso l’ipotesi è lì, sul tavolo in attesa di reazioni

Il tavolo degli azionisti Rcs/Corriere vede a capotavola John Elkann, presidente Fiat, azionista al 100% della Stampa, e primo socio del Corriere con il 20% di Rcs e fautore dell’asse o- nato con l’alleanza -.

Il solo potenziale oppositore è Della Valle con il suo 10%, contrario a ogni dominus per Rcs. Con i diritti tv, prima voce di fatturato dei club, la crisi che ha costretto Moratti a cedere l’ agli indonesiani, gli stadi da finanziare e la unica vetrina chiesta dagli sponsor, vuoi che Fiorentina- non c’entri con Della Valle, Elkann e la guerra per il controllo di Rcs?