ULTIM'ORA

MalaJuve, mercato in bianco e nero!

190241992-5a88c419-7ac6-4401-bf18-9cf99b3e9b03

di Nicola Balice* - Se l’obiettivo di ogni sessione di è quello di migliorare la propria squadra, allora la missione di Marotta e Paratici anche in questa occasione può dirsi compiuta. In attacco sono arrivati due grandi giocatori, anche in prospettiva, come Douglas Costa e Bernardeschi senza dover ricorrere alla cessione di un big come Cuadrado o Mandzukic. A centrocampo, il gioco degli scambi ha visto entrare Matuidi e Bentancur al posto di Lemina e Rincon: anche in questo caso un netto salto in avanti. E dietro se con Szczesny ci si è assicurati già il dopo Buffon con un portiere migliore di Neto, secondo quanto detto dagli due campionati di .

E’ anche vero che con Howedes e De Sciglio (se lo rigenera) si sono limitati i danni considerando due partenze pesanti come Bonucci e Dani Alves, per quanto quest’ultimo aia offerto il meglio quando impiegato da ala.

Eppure, la da questo non esce benissimo. Anche perché una società come la non può permettersi di considerare le mancate cessioni eccellenti (vedi Dybala e Alex Sandro) come successi: non vendere i big è la normalità per un che punta alla Champions e deve pensare a migliorarsi sempre.

LA SQUADRA – A livello di costruzione della rosa, la sensazione è che manchi qualcosa. Davanti è stato compiuto un capolavoro, allungando una coperta che a questo punto è di primissimo livello e lunga a sufficienza sia per il 4-2-3-1 che per il 4-3-3.

Ma a centrocampo, per quanto Matuidi e Bentancur alzino l’asticella, al contrario la coperta rimane cortissima considerando le condizioni di Khedira e Marchisio che continuano a lasciare qualche duio.
Un altro giocatore di spessore saree servito e avree fatto tutta la differenza del mondo nel giudizio del , non a caso fino all’ultimo la ha provato vanamente a compiere il colpaccio Strootman e Emre Can.

Dietro, infine, c’è una voragine sul terzino destro che forse solo in parte saree stato risolto da Spinazzola. De Sciglio non è recuperato, Howedes è giocatore vero e mette una pezza ma forse servirà più da terzino adattato che da centrale.

I CASI. E poi ci sono quei casi che equivalgono a delle sconfitte. La situazione Spinazzola è paradossale: vedere la che non riesce a portare a casa un giocatore si sua proprietà, per di più in prestito ad un come l’ che da sempre ha tratto vantaggi dalla sinergia con i bianconeri, è una sconfitta. Vero è che c’era un contratto da rispettare, ma allargando il cerchio degli affari comuni a guadagnarci son sempre stati i bergamaschi. Tanto più che la avree pagato profumatamente la valorizzazione, risolvendo anche la sostituzione bloccando Laxalt prima che andasse alla Fiorentina. E con la volontà del giocatore decisa verso la . Sconfitta la , sconfitto Spinazzola, sconfitta pure l’: se possibile, la sensazione è che non aia vinto nessuno. Così come i tentativi fino all’ultimo minuto di inserirsi per Schick e Keita portano i bianconeri ad uscirne con le ossa rotte, delusi e deludenti in queste due situazioni: forse non solo per proprie colpe, soprattutto a proposito di Schick, ma in certi casi o non si vuole realmente un giocatore o lo si vuole. Ma se non lo si vuole, non lo si tratta per mesi e mesi… Conclusione di un in linea con il clamoroso tradimento, assecondato, di Dani Alves da questo punto di vista. In generale, fa riflettere la difficoltà riscontrata nel trattare in Italia, come se fosse stato tirato su un muro per ostacolare il dominio bianconero. Nota positiva l’accordo con Matuidi che pone fine alla guerra col . Mentre con Jorge Mendes e tutto il suo mondo si continua a non fare affari, il suo ruolo nella conclusione dell’affaire Keita può esserne ennesima conseguenza.

FINO ALLA FINE. In ogni caso, ora il è finito e Max ha a disposizione una rosa assolutamente all’altezza per confermarsi quantomeno in Italia. Al netto di tutti i dui e le delusioni, ogni stagione Marotta e Paratici son riusciti a costruire una più forte di quella precedente. Magari non lo sembra al 31 , lo è sempre stato a maggio. Anche se è evidente come la rosa dei titolari sia già molto più profonda, la novità è che sarà sata dalla mediana in su sotto questo punto di vista. chiuso, forse lo era già stato con fin troppo anticipo. Da adesso c’è solo il campo. La è questa, ed è una grande . Da seguire, da sostenere, da criticare se necessario. Fino alla fine.

* Il Bianconero