ULTIM'ORA

Il Napoli mortifica una Juve cotta: 2-0 schiacciante.

napoli-juventus-2-0-callejon-e-mertens-stendono-i-bianconeri

di Paolo Paoletti - Tutto come previsto: mai visto Conte così tranquillo mentre la perde una partita.
Quella col era ad alto rischio: in calo fisico e motivazionale, che si giocava tutta la stagione in 90′. Non poteva che andare così: 2-0 devastante!
Il ha strameritato, giocando un ottimo primo tempo, un’attenta ripresa.

Col senno di poi, non si capisce perchè Mertens debba stare in panchina e un inguardabile Hamsik in campo.
Se avesse deciso due mesi fa di mollare Marek, oggi forse il non avrebbe sfidato la con 20 punti di ritardo.
Sono diventati 17, sempre troppi per chi era arrivato secondo lo scorso anno.

La è stanca, sopratutto di testa. Avevo scritto venerdì che Conte non avrebbe fatto drammi per la sconfitta. Da 43 partite non restava senza segnare…
Sarà ‘contento’ il mister: questo pugno in faccia, seconda sconfitta del campionato, dovrebbe funzionare come lo schiaffone ricevuto a mesi fa.
A 7 gare dal termine unica possibilità per iniettare ‘attenzione e volontà’ alla truppa bianconera chiamata al finale da 100 punti e la finale di .

La dice che il del vantaggio di Callejon era da annullare perché lo spagnolo, sul lancio di Insigne, è con la testa davanti ad Asamoah.
Questione di centimetri, difficile per Orsato ma è fuorigioco.
Giusto, invece, non convalidare il di Hamsik dopo 8′: lo slovacco è in offside.

La nel finale ha anche perso la testa: Chiellini e Vidal non hanno onorato lo stile bianconero. Deve saper perdere, anche chi non ci è abituato.
I bianconeri sapevano cosa avrebbero trovato al , l’inferno del tifo ha portato il in paradiso.
ha vinto la sfida con Conte, c’è un forte rammarico…perchè questa squadra non è in grado di giocare un campionato con la stessa intensità.

Callejon e Mertens, i due migliori del corso hanno firmato una vittoria che resterà nelle statistiche di cuore dei .
O’Surdato ‘nammurato è esploso al fischio di Orsato.
La torna a casa mortificata, deve chiedersi cosa fare per esprimersi sempre a questi livelli.