ULTIM'ORA

Juric-Rino, 2 verità: finale massacro, no mentalità Napoli!

heasgoal-verona-napoli

di Paolo Paoletti - Il turno di campionato non si è ancora concluso ma ci sono alcune cose interessanti da poter sottolineare subito.
Le due che arrivano dagli allenatori sono: “questo nale di stagione è un gioco al massacro” concetto condivisibilissimo espresso da Juric tecnico del Verona; “l’obiettivo è costruire una mentalità vincente”, aspirazione-necessità ribadita da Gattuso dopo la sul Genova, ma già ‘denunciata’ dopo la sulla Roma.
Partiamo da Juric: il Verona ha disputato n qui un campionato che nessuno si aspettava, la posizione di classica è meritatissima, Juric si è ancora messo in evidenza ribadendo di essere un ‘gasperriano’… bel gioco sulla base di una eccezionale condizione sica.
Al punto che De Laurentis aveva pensato a lui per il dopo-Ancelotti, prima di chiudere con Gattuso.
Il Verona è squadra da salvezza, costruita con tanti prestiti, molti dei quali ad agosto torneranno alle rispettive società di appartenenza del cartellino. A volte con stipendi ribassati e possibili per le casse del Verona. Ebbene la squadra ha sempre dato tutto, i giocatori lottano concentrati sul presente, ben sapendo che il futuro sarà diverso. Merito di tecnico e società, penalizzata come tutte gli altri piccoli club, dall’imposizione del doppio turno a settimana impossibile per rose ristrette e di caratura inferiore alle grandi squadre.
Insomma un calcio che ha falsato il torneo, premiando i ricchi e penalizzando i più deboli. Ovvero UNO SCHIFO!
Schifo che si raddoppia nella certezza che tutto è stato fatto per e come sempre sopratutto per i più ricchi.
Gravina pagherà, la Lega è fatta di bamboccioni, spero che Sky (costretta dal tribunale a pagare anche l’ultima tranches del contratto, lo faccia al più tardi, dopo aver fato opposizione, quindi non prima di gennaio 2023), utilizzando l’argomento per pagare meno al prossimo bando sui diritti di prossima uscita.

Quanto a Gattuso, non fa altro che ripetere la litania già recitata da Mazzarri, Benitez, Sarri, Ancelotti. Chi per motivi diversi doveva cercare il ‘cosa manca’ per un Napoli vincente. Benitez e Gattuso hanno portato a casa la Coppetta Italia, lo spagnolo anche la supercoppetta italiana – roba da sponsor – nessuno però è riuscito a trovare soluzioni a questa lacuna, oggettiva, dichiarata, strutturale del Napoli.

Da cosa dipende?
Ovviamente dalla società per più ragioni:
1. mai sono arrivati a Napoli giocatori di grandissimo curriculum. Benitez ci ha provato con Callejon, Rejna, Albiol, tutti passati da Real Madrid e Barcellona, ma nel computo del metti e togli anche il quartetto-credenziale di Rafa rimase fagocitato dallo spogliatoio e dalle volontà di De Laurentis.
Mazzarri dopo il secondo posti chiese i top players per provare a vincere. Negati, scelse di andarsene.
A Benitez furono raccontare balle a go-go con una ricognizione in elicottero su Castelvolturno. Gli fu detto che era tutto di proprietà del Napoli, si ritrovò a dover ampliare la palestra fatta costruire in tutta fretta da Donadoni. Altro scacciato in malo modo reo di aver raccontato come ci si allenava a Milanello.
Per Sarri stessa sorte, aggiungendo che il toscano non ebbe riscontro ad una richiesta più che legittima: perchè se sono al secondo posto, devo guadagnare meno di chi sta al 4°? Il braccio di ferro con ADL costò la scontta di renze e l’ennesima occasione persa.
Sarri, al Chelsea ha guadagnato 6 mln netti, ha vinto l’ League, ha chiuso con qualicazione la Premier e disputato la nale di FA Cup. Tutto in un anno. Alla Juve vincerà lo scudetto tra alti e bassi, rinunciando al gioco e lasciando spazio proprio alla mentalità vincente bianconera, un coacervo di compro nel rispetto del principio “conta solo vincere”.

Che ne sarà di Gattuso se anche il tecnico italiano più titolato (Ancelotti) è stato brutalmente cacciato?
La mentalità vincente è caratteristica del di un club. Ferlaino non l’aveva è fu costretto a chiamare Italo Allodi, realizzatore del grande ciclo Juve, quello dell’Inter di Angelo Moratti, del Centro Tecnico di Coverciano dove la Nazionale è ripartita dai pomodori in faccia al rientro da England 66, per conquistare 2 tìtoli con relative stellette in 40 anni!

La mentalità vincente non si compra al supermercato, non si innesta solo con grandi giocatori che ovviamente aiutano, non si realizza con un mandato di un tecnico per quanto longevo (Mazzarri 4 anni). E’ un sentore che trasmette il club, che incarna il suo presidente e tutta la dirigenza, che ottiene consensi nei che contano, ispirando le grandi riforme di un ambiente corrotto, ignorante, da archeologia sportiva.

Attenzione non con nalità economiche e di arricchimento personale ma di crescita del movimento calcistico globale.
Ecco, caro Gattuso, n quando ci sarà De Laurentis, questo De Laurentis il Napoli non svilupperà mai mentalità vincente. Potrà vivere una o più stagioni fortunate, ma non diventerà mai come la Grande Juve, il Milan club più titolato al Mondo, l’Inter del primo e del secondo Moratti, campione d’ e del Mondo e del Triplete mai riuscito ad una italiana prima e dopo Mourinho!

Quindi non prendiamoci in giro. Sopratutto i tifosi che purtroppo amano e non ragionano. I non meritano anche questo.
Grazie.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply