ULTIM'ORA

Joachim Low, eroe a 54 anni: perfezionista dal cuore di ghiaccio.

C_29_articolo_1041395_upiImgPrincipaleOriz

di Edo Grassi (sportmediaset) – Joachim Loew vince il Mondiale ed entra, a 54 anni, nel museo delle cere del calcio tedesco dove prima c’era posto soltanto per due allenatori, il mitico Sepp Herberger, che aveva risollevato la del pallone dalle maceria della guerra portandola al titolo del 1954, ed il suo erede, l’astuto Helmut Schoen, campione del mondo nel 1974 a Monaco di Baviera.

Ovviamente è la notte del Maracanà a fare l’ultima differenza, ma per lui garantiscono gli otto anni di lavoro, una volta assunto l’incarico dopo l’addio di Juergen Klinsmann, di cui era il secondo, al Mondiale del 2006, quello del sogno tedesco spento dalle reti di Grosso e di Del Piero in semifinale. Da subito ha imposto una coerenza ed una trasparenza, di metodo e di scelta, che resta il suo personalissimo marchio di fabbrica insieme alla camicia scura, senza cravatta, ed alle maniche arrotolate.

L’ipotesi di lavorare intorno ad un telaio collaudato che potesse dare una continuità tecnica nel tempo (Neuer, Lahm, Hummels, Schweinsteiger, Thomas Mueller, gli assolutamente intoccabili) doveva trovare sbocco in un modulo (il celebratissimo 4-2-3-1) diventato il credo di tanti club in Bundesliga, a cominciare dal campione d’Europa. Ma coerenza non vuol dire integralismo, semmai voglia di riconsiderare le proprie idee alla luce di nuove proposte, magari vincenti. Ecco perché Loew ha accettato con grande disponibilità, nell’ultima stagione, i suggerimenti tecnici e tattici offerti dal ‘guardiolismo alla tedesca’ del nuovo Bayern anche fino alle estreme conseguenze: tikitaken (anche se meno accentuato rispetto a quello del maestro catalano), spostamento di Lahm davanti alla difesa e attacco senza punto di riferimento centrale col ‘falso nove’. Idee subate dal 4-0 al gallo ma riviste dopo il pareggio con il che, insieme alla faticosa qualificazione agli , a spese dell’Algeria, avevano scatenato la stampa tedesca contro Loew ed il modello di gioco della Nationamannschaft, oltretutto meno spettacolare rispetto al passato, bello da ricordare anche se poco vincente. Il cittì della Foresta Nera allora ne è uscito vincente alternando le due soluzioni di gioco, con il spesso e volentieri di Lahm sulla fascia, il di Klose (unico attaccante di ruolo della in ) e l’utilizzo versatile del fenomeno Thomas Mueller che può muoversi su grandi spazi.

E poi a Loew dev’essere riconosciuta la capacità di saper correggere la partita strada facendo, come visto in finale quando ha inserito gli uomini vincenti Schuerle e Goetze: i contrattempi tecnici dell’ultimo momento lui li sa risolvere bene, se è vero che era arrivato in con un problema terzino (diventato poi drammatico per l’infortunio anche di Mustafi) e subito dopo aver perso Reus, probabilmente il più talentuoso dei trequartisti. Non è un caso se questa , anche nelle versioni sperimentali, perde pochissimo, anche in amichevole, visto che nelle112 gare da cittì ha vinto 77 volte contro i 20 pareggi e le 15 sconfitte.

C’è poi un aspetto perfezionista di Jogi Loew che non coinvolge soltanto gli aspetti tattici, che comportano l’utilizzo di agende strapiene di annotazioni, ricchissimi database provenienti da tutto il mondo ed occhialini a 3 dimensioni per studiare ‘in profondità’ i movimenti dei giocatori in allenamento. Lui vuole avere voce in capitolo sulla logistica dei ritiri della , sull’aentazione dei giocatori, sulla lunghezza dell’erba del campo di allenamento; passa per un inntabile, in realtà non concepisce la superficialità, nemmeno nei dettagli. E non è un dettaglio se la Federcalcio tedesca gli aveva appena allungato il contratto di due anni, fino al prossimo Europeo, a prescindere dal risultato in , un atto di fiducia ma a anche e soprattutto di ottimismo.