Warning: DOMDocumentFragment::appendXML() [domdocumentfragment.appendxml]: Entity: line 1: parser error : xmlParseEntityRef: no name in /home/oggi24it/nottesport.it/htdocs/wp-content/plugins/simple-tags/inc/class.client.autolinks.php on line 217

Warning: DOMDocumentFragment::appendXML() [domdocumentfragment.appendxml]: o olimpico sulla distanza, fa parte dell’agenzia di management italiana Rosa & in /home/oggi24it/nottesport.it/htdocs/wp-content/plugins/simple-tags/inc/class.client.autolinks.php on line 217

Warning: DOMDocumentFragment::appendXML() [domdocumentfragment.appendxml]: ^ in /home/oggi24it/nottesport.it/htdocs/wp-content/plugins/simple-tags/inc/class.client.autolinks.php on line 217
ULTIM'ORA

Jemima Sumgong, prima keniana oro a Rio 2016, era doping!

C_29_articolo_1147974_upiImgPrincipaleOriz

Warning: DOMDocumentFragment::appendXML() [domdocumentfragment.appendxml]: Entity: line 1: parser error : xmlParseEntityRef: no name in /home/oggi24it/nottesport.it/htdocs/wp-content/plugins/simple-tags/inc/class.client.autolinks.php on line 217

Warning: DOMDocumentFragment::appendXML() [domdocumentfragment.appendxml]: o olimpico sulla distanza, fa parte dell’agenzia di management italiana Rosa & in /home/oggi24it/nottesport.it/htdocs/wp-content/plugins/simple-tags/inc/class.client.autolinks.php on line 217

Warning: DOMDocumentFragment::appendXML() [domdocumentfragment.appendxml]: ^ in /home/oggi24it/nottesport.it/htdocs/wp-content/plugins/simple-tags/inc/class.client.autolinks.php on line 217

La Iaaf, la federazione di leggera, ha reso blica la notizia della positività della trentaduenne keniana Jemima Sumgong, campionessa opica di maratona a Rio 2016. L’atleta, protagonista di un’annata strepitosa ( anche a Londra 2016) è risultata positiva all’Epo in occasione di un test fuori competizione effettuato a feraio. Sumgong non potrà dunque difendere la nella capitale britannica tra due settimane e per lei dovree arrivare una lunga squalica.

La Sumgong aveva vissuto un vero e proprio anno d’ nel 2016, successi che viste le modalità di riscontro della positività non dovreero – ma usiamo il condizionale – essere a rischio, con la alla London Marathon con un grande 2h22’58″ e il successivo successo all’Opiade in 2h24’04″.