ULTIM'ORA

Inter-Icardi, crisi! De Boer, meglio lasciarsi.

icardi.ginocchio.inter.2016.750x450

di Nina Madonna – -Cagliari 1-2. Un punto in tre partite, l’ è in crisi. Sconfitta maturata in un secondo tempo allucinante: vantaggio di Joao Mario (10′ st), la squadra di De Boer è stata raggiunta da Melchiorri e … sorpassata da Handanovic, autore di una clamsa autorete a 5 minuti dalla fine. Dopo 3 venti salva risultato.
A metà primo tempo, Icardi ha sbagliato un di rigore…

A San Siro accade ciò che raramente si vede in giro. Di mezzo c’è sempre lui, Mauro Icardi che divide le folle. Questa volta non è un tweet a scatenare il putiferio, ma un capitolo della sua biografia in cui attacca pesantemente i tifosi della , che non sono famosi per tenersi affronti senza replicare.

Una frattura che è uno squarcio insanabile.
La frangia più passionale non riconosce più il proprio capitano. “Togliti la fascia, Icardi uomo di m….., mercenario”, è il tenore degli insulti che partono dalla Nord verso il numero 9.
Una pressione che Mauro Icardi non riesce a tollerare, se ne rende conto il resto dello o. È qui accade qualcosa di particolare…

Se la insulta Icardi, il resto dello o insulta la : “Scemi, scemi” si sente dalle tribune, mentre la Nord prosegue nel martirio.
Incredibile: o spaccato in due, livida di raia verso Icardi, gli altri a difenderlo a spada tratta chiedendo il sostegno della società.

La società…
Da che parte sanno Zanetti e Ausilio?
Le parole sono un segnale, Icardi salvo sorprese perderà la fascia di capitano.

Poi su De Boer spara il DS: “Aiamo giocato un ottimo primo tempo, non l’aiamo sfruttato. Dopo 8 partite non può esserci l’ migliore, ma doiamo correggere gli errori velocemente, il tempo passa e le altre scappano. La Champions è il minimo obiettivo”.

VOTI.
Handanovic 5,5. Saree stato da 7, per le quattro parate decisive nel secondo tempo. Poi crolla quando, in tuffo, si fa l’auto. Fatale.
Miranda 5. Il nostromo della retroguardia regge bene per un tempo. Nella ripresa, fra lui e Murillo si aprono voragini da non credere.
Joao Mario 6,5. Il non è poco, il primo della sua vita ista. Il resto nemmeno, ma si sa: ha piedi buoni e buon senso.
4. Ma quanto corre! E quanto sbaglia! Non è la sua domenica.
Banega 5. Primo tempo di gran lav, anche puntuale. Ma senza sbocchi. Nella ripresa, fisicamente, crolla.
Icardi 4. La sua domenica bestiale, il clima attorno a lui è inverosimile, il rigore sbagliato gli dà la mazzata, poi continua a giocare, ma come se fosse altrove. Sbagliando, fra l’altro, di testa il comodo pallone del 2-1.

TABELLINO. -CAGLIARI 1-2
(4-2-3-1): Handanovic 5,5; Ansaldi 5,5 (35′ st Jovetic sv), Miranda 5, Murillo 5, Santon 5,5; Medel 6, Joao Mario 6,5; 5 (29′ st Eder 5), Banega 5,5 (15′ st Gnoukouri 5), Perisic 6; Icardi 4. A disp.: Carrizo, Kondogbia, Palacio, D’Ambrosio, Nagatomo, Brozovic, Yao, Miangue, Gabi. All.: De Boer 4
Cagliari (4-3-1-2): Storari 6,5; Pisacane 6, Ceppitelli 6,5, Alves 6, Murru 6; Munari 6 (24′ st Isla 6,5), Tachtsidis 5,5, Padoin 6; Di Gennaro 6,5 (32′ st Barella sv); Sau 5 (15′ st Borriello 6,5), Melchiorri 7,5. A disp.: Rafael, Colombo, Dessena, Capuano, Bittante, Giannetti, Salamon. All.: Rastelli 6,5
Arbitro: ri
Marcatori: 10′ st Joao Mario (I), 26′ st Melchiorri (C), 40 ‘ st autorete di Handanovic (I)
Ammoniti: Joao Mario (I), Bruno Alves, Sau, Munari, Tachtsidis, Barella (C)
Note: al 26′ Icardi (I) calcia fuori un rigore