ULTIM'ORA

Lorenzo-Dries, essere-non essere: che musica è?

sERIE a football match Napoli  vs Benevento

di Paolo Paoletti - Siparietto ridicolo al 74′ quando Sarri, avanti 1-0, ha sostituito Insigne con . Lorenzo l’ha prende male e smadonna verso la panchina con un ‘vaffa’. Insigne ha insistito anche quando gli è stata porta la giacca e si stava accomodando in panchina. Sarri lo ha zittito con un secco “Siediti, e stai zitto”. Brutta scena da punire con una multa pesante, invece di far capire che è normale.

Siparietto liberatorio al 65′: Mertens dopo 9 partite, torna a segnare in . Un’eternità, ma non esulta, o quasi! A tratti sembra tornare nel vortice senza . Poi lo trova, in velocità lanciato in contropiede, con un movimento da centravanti d’esperienza.
Resta il dubbio: Mertens ha smarrito la via del – troppo poche 3 reti in 3 competizioni negli 3 mesi – oppure è il gioco scomparso del ad averlo penalizzato?
In assoluto 11 reti in 21 gare, sono poche dopo averne fatte 10 di scatto. Sono poche anche per 5 milioni netti che ADL si è precipitato ad offrire temendo la clausola!

Davanti il belga, tra i cannonieri di , ci sono il mai tanto rimpianto a 20 , Icardi (18), Quagliarella (15) e Dybala (14). A 9 ci sono e Dzeko, centravanti veri ma protagonisti di una trasformazione-involuzione, al punto che la pensa alla .

Mertens a Bergamo ha segnato un pesante, da 3 punti. Determinanti.
Continuasse a segnare meno ma in occasioni così, la sua stagione sarebbe da incorniciare lo stesso, perchè significherebbe Scudetto.

Diversamente i 28 milioni di clausola sarebbero la via di uscita utile a tutti.
Con a spiegare che anche Mertens è un traditore.