ULTIM'ORA

Infantino, no Italia: in Russia dal campo!

fd582a8ed2685770334a2d452ebeff57_169_l

di Romana Collina - “Da italiano dico che un mondiale senza Italia è tragico. Bisogna rimboccarsi le maniche, lavorare, fare le necessarie per riportare l’Italia sul tetto del mondo anche nel calcio”. Gianni Infantino, ato dal presidente del Consiglio Gentiloni alla cerimonia di consegna dei Collari d’Oro del , striglia il calcio italiano!

Poi ammette: “La Var pienamente promossa, sta andando benissimo grazie soprattutto all’Italia”.

Bastona sul sogno Mondiali… “Se c’è davvero la possibilità che l’Italia venga ripescata al Mondiale? Bisogna qualicarsi sul campo. Chi c’è ha meritato di esserci, noi doiamo rimboccarci le maniche e passare dalle parole ai fatti, per lavorare e fare le che sono necessarie per riportare il calcio italiano dove è giusto che sia”.

Il Presidente fa esclude la possibilità per gli Azzurri di essere ripescati in ‘sfruttando’ i problemi che riguardano la Federcalcio spagnola dopo le elezioni.

“Il fatto che non vada al Mondiale è per tutti gli italiani una tragedia, ivamente parlando, ma deve essere uno stimolo. Bisogna imparare dalle scontte, rimboccandosi le maniche e lavorare, e gli italiani sicuramente lo sanno fare come hanno sempre dimostrato – aggiunge il presidente della fa a margine della consegna dei Collari d’Oro al -. Bisogna passare dalle parole ai fatti, serve riformare, rinnovare, andare alla radice dei problemi per fare meglio in futuro”.

Cosa segue la fa le pme elezioni della gc?
“La governance è importantissima, ovvio, bisogna che chi dirige il calcio italiano aia la possibilità di prendere decisioni, di incidere nel movimento. Lo sappiamo tutti cosa va fatto in Italia, da anni si parla degli stadi, delle giovanili, della formazione. Bisogna trarre spunto da questa scontta per tornare ai vertici.

Il Collare d’Oro è o più ambityo dello italiano…
“È un grande onore e privilegio, prima di essere siamo tutti : al presidente Mattarella dico che siamo orgogliosi di essere italiani”.

CULTURA SOSPETTO SOLO IN ITALIA. “Se con l’introduzione della Var si è eliminata la cultura del sospetto? Questa è una malattia veramente molto italiana ma che non esiste. La Var è una macchina bellissima che dà più giustizia e trasparenza al calcio. Gli darei un nove dopo le prime due giornate. Bisogna guardare le decisioni che vengono prese grazie alla Var – ha detto ancora Infantino – e alla ne sono decisioni giuste. Gli errori ci saranno sempre quando ci sono gli esseri umani, l’importante è evitare quelli clamorosi e gravi, e con il Var si evitano al 100%”. Secondo il massimo dirigente del calcio mondiale, “nel 2017, quando in pochi secondi tutti gli spettatori sanno se l’ ha commesso un errore e l’unico che non lo sa è l’ stesso perché glielo proibiamo noi, doiamo cambiare e il lavoro che si sta facendo in Italia è all’avanguardia, è eccellente”.

“Ovviamene bisogna applicare la Var per i casi chiari – ha concluso il presidente della fa – e non per tutte le interpretazioni, e in questo senso aiuta a prendere delle decisioni giuste e vogliamo tutti la giustizia anche nel calcio”.