ULTIM'ORA

Incredibile, torna Zemanlandia: 5-0, Pescara spera!

Pescara - Genoa

di Azzurra Pesce - Zemanlandia riapre subito i cancelli: il boemo trasforma il Pescara che travolge il Genoa 5-0, ottiene la prima vittoria in Serie A di questa stagione (l’ultima era datata dicembre 2012) e si porta a -10 dal quart’ultimo posto.
Il 4-3-3 è subito efcace e dopo 31 minuti gli abruzzesi sono già sul 3-0 grazie all’auto di Orbban (5′) e alle reti di Caprari e Benali al 19′ e 31′. Chiudono nella ripresa ancora Caprari all’81′ e Cerri all’87′.

VOTI DECISIVI
Caprari 8. Hombre del partido e capocannoniere della squadra. Indirizza il match con il tocco preciso del 2-0 e lo chiude denitivamente nella ripresa con una perla di sinistro che non è nemmeno il suo piede. Vivace e sempre pericoloso come il reparto d’.
Stendardo 7. Guida con sicurezza una difesa che non va mai in difcoltà e non concede mai occasioni davvero pericolose. Chiude bene ed è sempre puntuale.
Verre 7. Illumina con grandi giocate a centrocampo: ha piedi e qualità per fare la mezz’ala e il tresta e fa bene , compresa l’assistenza ai compagni che sembra trovare sempre a memoria.
Cerri 7,5. Apre il match di prepotenza con una bella inziativa che propizia l’auto di Orban e chiude i conti con l’inseremento puntuale nel nale che gli vale la prima gioia in Serie A. Oggi lui, Caprari e Benali sembravano la nuova versione del trio dei --Verratti: si trovano a meraviglia, sempre pericolosi e quanto mai concreti.

Simeone 5: all’andata contro il Pescara aveva trovato la prima maglia da titolare e la prima rete in Serie A. Prova a lote da solo in mezzo alla difesa avversaria ma è l’emblema di una squadra che non riesce mai a concludere in maniera pericolosa.
Orban 4,5: sfortunato anche se goffo in occasione dell’auto che spiana la strada al Pescara a inizio gara. Non si riprende più, va spesso in difcoltà, come il compagno di reparto Burdisso, e perde palloni pericolosi.
Pandev 5,5. Juric lo mette nel primo tempo per cercare di mettere in piedi la partita ottenedno esattamente l’effetto opposto. non è di certo colpa dell’ex Inter che almeno ha il merito di provarci e darsi da fare più di tutti. Nel secondo tempo una bella girata in area nisce fuori di poco. troppo poco, uno dei meno peggiori nel disastro generale.

TABELLINO. PESCARA-GENOA 5-0
Pescara (4-3-3): Bizzarri 6; Zampano 7, Stendardo 7, Coda 6,5 (35′ st Bovo sv), Biraghi 6,5; Verre 7 (27′ st Muni 6), Bruno 6,5, Mumushaj 6,5; Benali 7 (31′ st Pepe sv), Cerri 7,5, Caprari 8.
A disp.: orillo, Aldegani, Fornasier, Crescenzi, Vitturini, Brugman, Muric, Kastanos, Mitrita, Pepe.

Genoa (3-4-2-1): Lamanna 5; Izzo 5,5, Burdisso 4,5, Orban 4,5; Lazovic 5 (1′ st Pinilla 5,5), Hiljemark 5 (29′ Pandev 5,5), Cataldi 5, Laxalt 5,5; Rigoni 5, Palladino 5,5; Simeone 5 (16′ st Edenilson).
A disp.: Zima, Rubinho, Biraschi, Brivio, Munoz, Coe, Msini, Beghetto, Ninkovic, Coppola.

: Abbattista
Marcatori: 5′ Orban (aut.), 19′ Caprari (P), 31′ Benali (P), 35′ st Caprari (P), 36′ st Cerri (P)
Ammoniti: Rigoni (G), Biraghi (P), Caprari (P)