ULTIM'ORA

Il Napoli perde 3 volte: i big sotto accusa!

reina-e-higuain

di Paolo Paoletti - Il Napoli ha perso 3 volte a Bologna: 1. Perde la testa delle classifica; 2. In 90′ prende gli stessi subiti da quando è passato al 4-3-3; 3. E’ riscavalcato da Inter e Fiorentina nonostante aia vinto gli scontri diretti!

Sconfitta che normalizza il campionato azzurro: la cosa da ufficializzare sono gli obiettivi. Se l’obiettivo è confermare il 5° posto, Sarri è in netto vantaggio su . Se c’è lo scudetto nella testa, questo Napoli deve colmare le lacune.

La prima è l’esperienza. Si vince quando si è abituati a vincere. Il Napoli ha solo 4 giocatori così: Rejna, Albiol, Calleiìjon, Higuain, 3 dei quali scuola Madrid. A Bologna hanno fallito proprio questi 4, il resto a ruota…
Lasciamo perdere il 3-2, a Bologna il Napol.i non è mai stato in partita.
Il finale del Dall’Ara, la doppietta di Higuain, sono errori del Bologna che non credeva ciò che stava accadendo: battere il Napol, la capolista.
Il Napoli non lo è, non perchè Inter e Fiorentina stiano di nuovo su. Non lo è nella testa, primo requisito delle grandi squadre.

Destro, autore di una doppietta, è i., marchio della gara: Higuain si è fatto spettatore, Destro l’ha giocata. Come il giovane Diawrrà, Masina, la coppia Gastaldello-Oikonomu, Brienza. Donadoni ha fatto lezione a Sarri, Napoli battuto in tutto: tatticamente, mentalmente, nell’entusiasmo. E il Bologna deve salvarsi!

Hysaj, Kopulibaly, Ghoulam pessimi; Reina e Albiol colpevolissimi; Jorginho e Allan da dimenticare. Hamsik e statuine.
Per Higuain va detto chiaro e tondo che quando gioca così è un peso per la squadra: non partecipa, innervosisce i compagni, fa incazzare l’, motivando gli avversari.
A proposito, Sarri ha sbagliato a non cazziarli per i 30′ finali contro l’Inter…Il napoli è rimasto a bearsi per il doppio vantaggio sui nerazzurri. ABologna erano controfigure, anzi l’altra faccia mostrata tante volte nel secondo anno .

La reazione finale, indotta dal Bologna, non cancellare la seconda sconfitta stagionale. Gioverà se Sarri saprà cazziarli davvero nella settimana di Legia e Roma!

“Qui si dorme”. Al 21′ del primo tempo Maurizio Sarri è stravolto in panchina. Prima la fuga di Destro, poi lo stacco di Rossettini completamente solo in area. L’allenatore ha capito che non era giornata: ripagati con gli interessi i regali della fortuna nel finale contro l’Inter.
Reina sbaglia cose assurde, Destro in fuorigioco, Mirante attento a tutto, occasioni sprecate…
Higuain si faccia un esame di coscienza e dia ancora ragione al suo allenatore: così vinceràla classifica cannonieri ma il Pallone d’ se lo sogna.

Il Napoli interrompe la striscia di 18 risultati utili consecutivi. UN sortilegio fatto al campionato: dal Sassuolo alla prima, erano arrivate 9 vittorie e 4 pareggi, 5 successi in Europa League. Ora si ricomincia dalla normalità, dopo l’inganno in vetta per 6 giorni.
Con la Roma e il rischio di essere agganciato dai giallo c’è ben più in gioco della classifica.
Il castello di credenze serve tanto per costruirlo, un niente a distruggerlo.

VOTI.
Higuain 6. Si accende dal nulla, ma è di. Doppietta in 4′ buona solo per i cxanninieri. Rapinatore, poi di potenza ma la partita se l’è vista!
Reina 4,5. Uno come lui non può fare errori del genere: sul primo rida l’uscita bassa. Sul terzo è un patatrac: una paperissima!
Raul Albiol 4. Destro parte in fuorigioco millimetrico, ma il modo in cui si fa battere non è da giocatore esperto e in fiducia.

Destro 8. Vede il Napoli e si scatena. Confeziona la sua miglior prestazione della carriera: due , colpi da leader, sacrificio e tante cose utili.
Diawara 7. Guardate la sua carta di identità: è un classe 1997. 18 anni e non sentire miminamente la pressione, stravince il confronto con Jorginho, regista di qualità e di personalità. Bravissimo.
Mirante 7,5. Si piega solo nel finale a Higuain, suo rivale dichiarato. Una serie di parate importanti e difficilissime, disinnesca il Napoli.

TABELLINO. BOLOGNA-NAPOLI 3-2
Bologna (4-3-3): Mirante 7,5; Rossettini 6,5, Oikonomou 6, Gastaldello 6, Masina 7; Brienza 6,5 (20′ st Brighi 6), Diawara 7 (47′ st Pulgar sv), Taider 5,5; Mounier 5,5, Destro 8, Rizzo 6 (29′ st Mbaye sv).
A disp.: Da Costa, Stojanovic, Morleo, Mbaye, , Crisetig, Giaccherini, Donsah, Acquafresca. All.: Donadoni 7,5

Napoli (4-3-3): Reina 5; Hysaj 5 (18′ st Maggio 5,5), Albiol 5, Koulibaly 5, Ghoulam 6; Allan 6 (31′ st David Lopez sv), Jorginho 5,5, Hamsik 5,5; 6 (20′ st Mertens 6), Higuain 7, Insigne 5,5.
A disp.: Rel, Gabriel, Strinic, Henrique, Chiriches, Chalobah, Valdifiori, El Kaddouri. All.: Sarri 5,5

: Mazzoleni 5.
Marcatori: 14′ pt Destro (B), 21′ pt Rossettini (B), 15′ st Destro (B), 42′ st Higuain (N), 45 st Higuain (N)
Ammoniti: Destro (B), Masina (B)