ULTIM'ORA

Il Maestrelli a Mazzarri: nuova icona! DeLa rosica…

url-3

di Nina Madonna – Il secondo posto con il 2012-2013, il quarto dell’ ad un terzo della stagione: ha vinto il ‘’, premio ambito che designa il miglior allenatore italiano.
Alla faccia dello scchiato ricevuto da !
Walter ritirerà a Montecatini davanti a Conte e Allegri secondo e terzo in classifica.

Il miglior modo per presentarsi di persona a , nuovo proprietario dell’. E il volto nuovo della nuova , sollevata subito dalle angosce dell’ultima stagione.
Un anno fa si era piazzato al terzo posto dietro Conte e Guidolin, il finale di campionato, scorso e l’avvio di quest’anno,lo hanno consacrato.

Il premio è andato a Walter con questa motivazione…“perché mette in pratica alcune delle caratteristiche dell’allenatore della Lazio al quale è dedicato da più di trent’anni il nostro premio e cioè il lavoro efficace negli allenamenti, la cura di ogni dettaglio, la difesa dei giocatori in qualsiasi circostanza. Ed anche perché il negli ultimi quarant’anni è molto cambiato e Walter non solo è al passo con i tempi, ma addirittura li sopravanza: crede nel lavoro di equipe per costruire una squadra, crede nella corsa con o senza palla, crede nell’orgoglio dell’appartenenza, nella passione per la vittoria, nella valorizzazione reale dei , negli schemi mandati a memoria, ma anche nella necessità di essere duttili, di adottare più sistemi di gioco e magari di cambiarli nel corso della partita”.

sarà diventato verde di e forse proprio ‘il ’ è stato motivo scatenante di tanto livore vomitato dal cine-presidente sull’ex allenatore…
“E’ un perfezionista, è il professionista la cui mano si è vista subito anche nell’, squadra della quale è stato giudicato il miglior acquisto. In due mesi ha rivalutato la squadra, ridandole condizione, fiducia, impronta tattica. Questa è davvero cultura del lavoro. Dedizione, tensione, ambizione, sacrificio, rispetto reciproco, fedeltà alla parola data fanno parte della sua personalità. è una icona del moderno, un tecnico proiettato nel futuro dello più bello de mondo”.

E Aurelio rosica, rosica…
Rafè, mi spiace, ma ccà nisciuno è fesso!