ULTIM'ORA

EDITORIALE. Ha vinto il Ct: a Cesare quel che è di Cesare. Turn over?

prandelli.inghilterra.italia.ciao.2013.2014.690x400

di Paolo Paoletti – Ha vinto . Ha intuito tutto, la Nazionale ha fatto ciò che il Cittì voleva. Con dei problemi ma lo ha fatto e vinto.
La notte è stata azzurra, nel caldo asssiante da allucinazioni di Manaus come dice Marchisio.
L’ ha fatto una buona gara, non è bastato.
E con il Cosica non sarà affatto facile, sono primi nel girone avendo segnato un in più di noi. Guai a sottovalue chi ha strapazzato l’Uruguay.
Difcile adesso value l’esigenza del turn over: Insigne e Immobile dal primo minuto è l’ipotesi.
ci penserà.

I PIU’.
1. Darmian e Sirigu ottimi. . La scelta in extremis è prova di onestà e competenza. Il granata è stato tra i migliori, se non il migliore. Sìrigu ha dimostrato che Buffon può riprendersi con calma, anzi…

2. I 3 registi funzionano: De ha dato equio e compattezza alla difesa. Verratti ha cucito, lavoro oscuro ma sostanzioso. Thiago lo ha fatto respirare. Pirlo ha dosato bene le forze ma è il solito titolarissimo: esperienza, efcacia, traversa a portiere battuto.

3. L’attacco va. Ha fatto ciò che doveva. deve muoversi meglio, opponendosi al portatore di palla. Ha tirato poco, ma ha segnato il vittoria.
Candreva e Marchisio sono i chiavistelli per far male. Lo ntino ha giocato poco in campionato: ha più forza e lucidità. Il è una chicca corale. Preparazione e tiro da calcio.
Candreva ha colpito un palo e fatto l’assist per Balo. Tanto altro: promosso a pieni voti.

4. Le facce nuove, urgevano. Darmian, Paletta, Candreva, Insigne, Immobile, sono il meglio proposto dal campionato. Premiato il merito, i nuovi sono utilizzati al meglio dal Ct.

5. La scommessa è appena cominciata: Mario ha un fastidio muscolare, va tenuto sulla corda al punto giusto. Cesare, carezze e rimbrotti, lo sta facendo al meglio.

I MENO.
1. La difesa è un rebus. Chiellini a sinistra non va. Paletta al centro ha fatto meglio, ma non troppo. Il migliore resta Barzagli, non è a posto ma arriva sempre con la zampata dell’intuito e dell’esperienza.
Chiello esterno soffre attaccanti dinamici e talentuosi. Ha perso contro Sterling, 19enne del Liverpool.
Paletta stringe i denti ma non è al meglio. Troppo distante dal diretto avversario in area di rigore, in rido sul pari di Sturridge. L’intesa non si compra al super, ma un mondiale si gioca su 7 partite: va fatto tutto e subito.

2. Palle inattive e traversoni dal fondo. Continuiamo a soffrire. Ogni calcio d’ano è stato un patema, Sirigu ha cominciato con una uscita a vuoto, poi è stato proprio lui con ripetute prese alte a metterci la pezza. Eppure abbiamo tutti marcantoni, che in mischia si perdono l’avversario. Meno ansia, più attenzione.

3. Tenerla in mezzo. Hogdson aveva scelto di presidiare le ali con un uomo in meno a centrocampo. Non ne abbiamo approttato lasciando Gerard a fare ciò che voleva: raggiungere gli esterni precisi rifornimenti da 40-50 metri. Chi doveva braccare il 36enne bandiera inglese? I 3 registi sono lì per alternarsi tra impostazione e ostruzione, secondo le fasi. Ma gli esterni senza palla aiutino.

4. Il dubbio della difesa a tre. Van Gaal ha dimostrato che si può vincere con i 3 stopper anche contro i re del possesso palla e attacchi ad 1 punta. Il puzzle che ha ideato per l’ non è un dogma.
Lo sa anche lui. E non può essere tale neanche la difesa a 4. Ora sta privilegiando un centrocampo di testa più che di corsa: con questo clima è corretto. Ma se De Sciglio non recupera, non avremo sempre un Barzagli che evita un fatto e un Roneey che spreca un pareggio fatto.

Quattro giorni per celebrare e correggere. Il Costrarica non scherza!