ULTIM'ORA

Cartello Sky-Mediaset, mercato distrutto: Mediapro sul Canale Lega!

185603226-53195bc2-a184-4ac6-9557-29fc04ee81c6

di Nina Madonna - “L’accordo tra e Italia può diventare un problema per il italiano”, l’accusa è di Jaume Roures.
Intervistato da Reuters il socio fondatore e manager di Mediapro, colosso spagnolo che ha acquistato i diritti della , spiega: “L’accordo tra e cambia completamente il . Non è un problema per Mediapro. Se la concorrenza svanisce è un problema per il e potrebbe diventarlo per il in Italia”.
Dietro l’analisi interessata c’è una condizione nuova: a chi venderà Mediapro ed a che prezzo se la domanda accetterà l’offerta forte di un cartello? Ovvero senza concorrenza tra acquirenti?

BRACCIO DI FERRO. Indipendentemente dalla nuova asta agli operatori media, Roures assicura che Mediapro presenterà nei tempi previsti la prima deiussione bancaria da 1,2 miliardi di euro…”E’ nostra intenzione farlo”; portando avanti la trattativa privata con i broadcaster no a metà giugno.

Il nodo dei diritti pay della non sembra però destinato a sciogliersi nelle pme settimane, ma si potrebbe trasre a ridosso del pmo campionato. E Roures non lo nasconde: “Non abbiamo acquistato i diritti della con una prospettiva di corto respiro. Non siamo preoccupati del risultato dell’asta, non è trascendentale per noi”.

L’obiettivo di Mediapro non cambia, convincere la Lega a creare un canale della da distribuire su diverse piattaforme: “Continueremo a spingere per la soluzione del canale. Pensiamo che, vista la situazione, la Lega e i saranno più recettivi e ci ascolteranno, anche se al momento escludono tale opzione. Riguardo l’asta, è vero che il 21 di aprile sarà il termine per presentare le offerte, ma poi avremo un periodo di 60 giorni in cui potremo condurre trattative private con gli operatori. La vicenda non è una questione che si risolverà nelle pme settimane. Abbiamo tempo no alla metà di giugno e poi ci sono due mesi di tempo per convincere la Lega a creare il canale. Il calendario non è molto agevole ma noi in due mesi possiamo allestirlo tranquillamente, non dico che sia semplice, ma è una parte del nostro lavoro”.