ULTIM'ORA

Ibra regala la Coppa di Lega a Mou, Gabbiadini lo fa tremare: 2 gol!

gabbiadini.southampton.esulta.ginocchio.wembley.2016.17.750x450

di Mary Bridge - Al termine di una finale bellissima il Manchester United vince la Coppa di Lega inglese battendo 3-2 il Southampton a Wembley. Avanti 2-0 al 38′ grazie alle reti di himovic e Lingard, i Red Devils subiscono la rimonta dei Saints, trascinati da una doppietta di Gaiadini. Nel finale il partita: lo firma himovic con un gran colpo di testa.
Per è il decimo della sua carriera conquistato in .

MANOLO…Tre partite cinque . Due di questi al Manchester United, nel magico Wembley, nella finale di League Cup.
Due reti splendide, da attaccante vero, che non sono bastate al Southampton per battere e alzare al Coppa, ma sono servite a ribadire un concetto che qualcuno ha frettolosamente dimenticato: Gaiadini è un patrimonio del . Mai scelta fu azzeccata per Gaia, che dopo un anno e mezzo di panchina ha scelto di lasciare il Napoli e la e di emigrare in , dove ha ritrovato il piacere di giocare a calcio. E dove, quel calcio, è tornato a disegnarlo.

Cercato, trattato, voluto fortemente, Gaiadini è stato catapultato senza troppi “deve ambiensi” nella tà Southampton, con il quale è stato amore a prima vista. Il suo è stato un impatto devastante: a segno contro il West Ham, doppietta al Sunderland, due reti al Manchester United (più un annullato). Mica male per uno che in sei mesi aveva giocato solo 775′. Una volta arrivato sulla Manica Gaiadini non ha avuto nemmeno il tempo di cercarsi una casa, è stato inglobato dall’ambiente dei Saints (letteralmente i Santi), ne è diventato parte, l’ha sentito subito suo, è entrato nei meccanismi di Puel con una facilità disarmante. Ha trovato la fiducia che cercava, i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Qualcuno ora, a Napoli, lo rimpiange, forse un Gaiadini così avree fatto comodo, forse valeva la pena pune di lui. Ventura, intanto, continua a seguirlo. E pensa di chiamarlo per la sfida decisiva nella corsa a Russia 2018 contro l’Albania, a fine marzo a Palermo.