ULTIM'ORA

Hamsik é rotto: 5° metatarso, non se ne sono accorti!

hamsik-mani-testa1

di Nino Campa – Marek Hamsik è rotto: frattura al quinto metatarso!
Nessuno si era accorto della gravità dell’infortunio e per giorni il giocatore ha sforzato la parte dolente.
Cosa gravissima anche per un meticoloso ortopedico come .

Hamsik non gioca da un mese, assente contro l’Arsenal salterà anche l’. Nessuno sa dire quando potrà riprendere perchè nessuno può ammettere il grave errore.
E’ stato proprio Marek a confessarlo in un’vista ad un quotidiano slovacco: “L’infortunio non è molto grave ma non riesco nemmeno a camminare in queste condizioni. Non so quando tornerò, possibile che sia il pmo anno”.

Cos’è il quinto metatarso?
E’ l’ossicino più voluminoso di tutte le metatarsali, è di forma trianare con un’ampia superficie articolare. Può essere palpato sul margine laterale del piede e spesso è visibile. Sempre presso la superficie plantare, è inserito il muscolo flessore del quinto dito, la cui inserzione prosegue posteriormente anche sul cuboide e medialmente ad esso un capo del tibiale posteriore. Oltre ad essere innervato dal nervo peroneo superficiale e dal plantare laterale, lo è anche da del nervo surale.

Punto delicato, fortemente sollecitato dalla spinta della corsa: potenza e velocità.
Come è possibile che nessuno si sia accorto del danno?
Non è la prima volta che lo staff sanitario falla: è stato così con Britos e con Zuniga, per il quale però lo scorso anno chiese omertosa complicità!

Risultato è che il Professor Mariani, recentemente ad un convegno di fisioterapia dell’Università La Sapienza ha confessato che il del colombiano sarà lungo e doloroso. Molto probabilmente il ginocchio si gonfierà e le prestazioni saranno influenzate dal problema.
Bella frittata!
Il però sembra non aversene per inteso e in barba a tutti ha ingaggiato Revellier un giocatore fermo da 6 mesi e protestato dal Lione proprio per infortunio.

Hamsik intanto spiega… “Stavo vivendo la mia stagione migliore col poi sono cominciati i problemi. Non so quando rientrerò. A sto bene ed ho firmato recentemente il prolungamento di contratto: c’è un tecnico importante come e sono arrivati calciatori importanti. Ci vuole pazienza perché abbiamo cambiato molto”.

La pazienza però ha già superato tutti i limiti se un club che ha ambizioni fa errori così grossolani.
non vuol sentir parlare di costi per strutture sanitarie di livello e perfino uno degli storici fisioterapisti azzurri, il Professor Sapio, rifiutò una offensiva offerta da 1200 euro al mese per collaborare.

Questo è il di . Di più, questo è Aurelio che capeggia la bacheca del Circolo Canottieri Savoia per un avviso di morosità.
Qualche tempo fa, per una festa in onore di Lucio Dalla, socio onorario del circolo i soci rimasero inorriditi del mancato pagamento della retta chiedendo al Presidente Dalla Vecchia di non far mettere più piede al circolo al “cafone d’à Torre”.