ULTIM'ORA

Hamilton non s’arrende, vince ad Austin. Ferrari scomparsa…

F1 Grand Prix of USA

Weekend perfetto per Lewis che ad Austin torna alla vittoria dopo cinque gare. Nico Rosberg (+5″) perde solo 7 punti in classica e chiude secondo davanti alla di Daniel Ricciardo. ancora senza podio con Sebastian quarto e Kimi Raikkonen che deve fermarsi per un errore dei meccanici durante il pit . Anche Max Verstappen out per un problema alla macchina, ottimo quinto posto per Fernando .

Quando non sbaglia la partenza, quando il motore non lo tradisce è durissimo da battere. Lewis, dopo un periodo post-vacanze da incubo, torna a godersi un weekend come piace a lui: pole position, gara in soliia e vittoria. Rosberg però vola in tranquillo perché ha ancora due secondi posti e un terzo a disposizione per aggiudicarsi il Mondiale. Ventisei punti sono un ottimo margine. I sorpassi e le emozioni in pista sono invece pochi, solo in partenza si accendono delle scintille quando Ricciardo passa Nico mentre Kimi inla Verstappen. Le strategie sono molto varie perché le macchine rispondono in maniera diversa alle differenti mescole. Dopo il primo pit Raikkonen, che no a quel momento aveva tenuto il ritmo dei primi, viene inlato dallo scatenato olandese della . Verstappen vola e va a riprendere Rosberg, dai box gli consigliano di gestire le gomme, ma lui replica: “Non sono qui per arrivare quarto!”. I meccanici però sono lì per studiare la macchina e infatti Max dopo pochi giri va in crisi. E’ l’inizio della ne, perché prima va al pit senza avvertire i meccanici e poi deve parcheggiare la sua monoposto a bordopista per un problema al motore.

Come detto, Rosberg riesce a limie i danni anche aiutato dalla fortuna, che per vincere un Mondiale serve sempre. Al momento giusto viene attivata la virtual safety car e Nico va al cambiogomme perdendo meno tempo di Ricciardo che si era già fermato. Al rientro in pista è secondo. La triste giornata delle rosse, mai in lotta per il podio, viene completata dal pasticcio dei meccanici che rilasciano la macchina di Kimi senza aver ancora ssato le gomme. Anche il nlandese è costretto al ritiro. Seb, che peraltro chiude staccatissimo da Ricciardo, ringrazia e scavalca in classica il suo compagno di squadra. Da segnalare la prestazione di Fernando che con una gara da campione qual è supera il con Sainz