ULTIM'ORA

Grecia, stravince il no ai creditori: Ue a rischio, servono 60 miliardi!

Referendum in Greece

di Penelope Sirtakis - Il ‘no’ al referendum in sul piano dei creditori nazionali vola oltre il 60%. E una delegazione del è già pronta a partire per Bruxelles per rilanciare i negoziati con i creditori nazionali. “La del ‘no’ è la risposta coraggiosa dei greci – ha detto il ministro dell’Economia Yanis Varoufakis, commentando i risultati -. I greci hanno detto un coraggioso ‘no’ a cinque anni di ipoa e all’austerità. Da domani l’Europa inizi a curare le nostre ferite”. “Con questo risultato il primo ministro ha un mandato chiaro dal popolo greco”, ha detto il portavoce dell’esecutivo ellenico Gavriil Sakellaridis all’emittente Ant1, invitando i greci all’unità .

Gli aventi diritto erano circa dieci milioni e il referendum, ha annunciato il ministro dell’no, è valido, avendo superato il quorum del 40%. Per l’esattezza, l’affluenza parziale è al 55%, nonostante non si potesse voe a distanza e molti cittadini per motivi economici o per lav hanno avuto difficoltà a esprimere una preferenza. Il quorum necessario per la validità del voto era al 40%.

“Oggi è un giorno di festa, perché la democrazia è una festa – ha detto Alis Tsipras dopo aver votato – perché si può ignorare la decisione di un , ma non la decisione di un popolo” ha affermato il er greco. “Da domani apriamo la strada per tutti i popoli d’Europa. Oggi la democrazia batte la ”, ha poi detto uscendo dal seggio, dove ha scherzato con gli scrutatori perché non riusciva a piegare la scheda.