ULTIM'ORA

Grazie Roma, notte da ricordare!

C_29_fotogallery_1019939__ImageGallery__imageGalleryItem_5_image

di Romana Collina - A Di Francesco sono bastati poco più di due mesi per fare dimenticare e, soprattutto, fare ricredere gli scettici. La Roma ha iniziato a viaggiare molto forte in campionato e sta facendo grandi cose in Champions, dove in molti la davano per spacciata già dopo il sorteggio. Invece l’ottimo lav del tecnico giallsso sta dando i suoi frutti, compresa l’esplosione di un El Shaarawy diventato decisivo.
Il match con il Chelsea ha dimostrato tutta la forza di una squadra organizzata e molto equilibrata: un giusto mix di qualità e sicità, ben amalgamato da Di Francesco. La Roma si esprime con un 4-3-3 fatto di pressing, palleggio e tremende accelerazioni sulle fasce. La difesa, brava a tenere corta la squadra, è ben protetta da un centrocampo solido e poi, in attacco, Dzeko – al di là delle doti izzative – è sempre più prezioso spalle alla porta.

Il salto di qualità dei giallssi è anche nella testa, perché questa squadra sta dimostrando di sapere soffrire nei momenti in cui bisogna ritare. Un miglioramento che, unito a una fase difensiva curata nei dettagli, sta consentendo alla Roma di essere la migliore difesa del campionato con soli 5 gol presi.

E poi c’è un El Shaarawy in totale stato di grazia. Le tre reti in quattro giorni hanno consegnato alla Roma due successi fondamentali e ora le gerarchie – con Defrel e Schick – sembrano decisamente cambiate. Il Faraone è già andato a segno cinque volte in 12 presenze stagionali e la sua media izzativa è niente male: 1 gol ogni 135 minuti. Numeri importanti anche per la Nazionale. Numeri che certicano una sentenza: quando El Shaarawy sta bene sicamente, diventa difcile toglierlo dal campo.

I NUMERI
• Questa è stata la più ampia vittoria della Roma contro una squadra inglese in Champions League e – al pari del 3-0 sull’Ipswich Town nella Coppa UEFA 1982/83 – in tutte le competizioni UEFA.
• Otto punti nelle prime quattro partite (2V, 2N): è il miglior parziale per la Roma in un i Champions League.
• Quello di Stephan El Shaarawy dopo 39 secondi è il gol più rapido nella storia della Roma in Champions League, nonché il più veloce concesso dal Chelsea.
• Prima di El Shaarawy, l’ultimo no a segnare una doppietta in Champions League era stato Daniele De Rossi, sempre per la Roma, nell’ottobre 2015.
• Quattro reti (prime due in casa) per El Shaarawy in Champions, in 17 presenze.
• La Roma è il club che ha segnato più gol a squadre di Antonio Conte in Champions League: sei in due partite.
• Secondo gol in CL (il primo per la Roma) di Perotti, il giocatore con più dribbling risuciti in questo match (sei, assieme ad Eden Hazard).
• Nona partita stagionale (in 14 presenze) senza subire gol per Alisson, che mantiene la propria porta inviolata da 375 minuti in tutte le competizioni.

NOTE DI CRONACA
Una Roma vestita a festa ha fatto vedere le streghe al Chelsea di Antonio Conte vincendo 3-0 all’Olimpico e prendendosi la vetta del Gruppo C di Champions League. Il sorpasso in classica porta la rma di El Shaarawy, micidiale dopo appena 44 secondi con un esterno destro da fuori area, e lesto al 36′ nell’anticipare Courtois per la doppietta. Nella ripresa partecipa alla festa anche Perotti (63′) con un bel destro dal limite.

VOTI DECISIVI
El Shaarawy 8. Uomo-partita nella sua versione migliore. Dopo il Bologna regala un’altra perla nella stessa porta e inla il raddoppio con astuzia. Momento di grande forma.
Perotti 7,5. Imprendibile nella ripresa: tecnica, velocità, ferocia agonistica. Gol è più che meritato.
Juan Jesus 7 – Sicuro e preciso. Sale nel grandimento dei si e del tecnico con una prova di qualità.

Hazard 6. E’ l’unico dei suoi a provarci davvero, a volte troppo in solitaria. Ma almeno ci prova.
Morata 5. Si divora la più grande occasione del match davanti a Alisson. Per il resto pochi palloni e giocati male
Rudiger 4,5. Il ritorno a Roma da avversario è un incubo. In occasione del raddoppio giallsso fa un qualcosa di inspiegabile dimenticandosi di chiudere su una palla innocua

TABELLINO. ROMA-CHELSEA 3-0
Roma (4-3-3): Alisson 6,5; Florenzi 6,5 (30′ st Manolas 6,5), Fazio 7, Juan Jesus 7, Kolarov 6,5; Nainggolan 7, De Rossi 6, Strootman 6,5; Perotti 7,5 (40′ st Pellegrini sv), Dzeko 7, El Shaarawy 8 (30′ st Gerson 6). A disp.: Skorupski, Moreno, Under, Gonalons. All.: Di Francesco 7
Chelsea (3-4-3): Courtois 6; Rudiger 4,5, David Luiz 4,5, Cahill 4,5 (10′ st Willian 5); Azpilicueta 5, Fabregas 5 (26′ st Drinkwater 5,5), Bakayoko 5,5, 5; Pedro 5, Morata 5 (30′ st Batshuayi 5,5), Hazard 6. A disp.: Caballero, Zappacosta, Kenedy, Christensen. All.: Conte 5
: Eriksson (Svezia)
Marcatori: 1′ El Shaarawy, 36′ El Shaarawy, 18′ st Perotti