ULTIM'ORA

Grande Roma, ne fa 3 a San Siro. Totti Re!

serie-a-la-roma-batte-3-0-l-inter-a-san-siro

di Matteo Talenti - La è pronta, l’ no! Ne fa 3 anche a San Siro, senza prenderne nella settima vittoria consecutiva.
Risultato ineccepibile anche se il fallo su Gervinho in occasione del rigore avviene fuori area.
Bene , ottima la scelta di Sabatini. Giusta anche la sua distanza dalle esagerazioni italiane. Come ha confessato all’Equipe è una presa in giro ai tifosi parlare di scudetto dopo 7 giornate. città, invece, potrebbe imparare molto da calma e sincerità di questo francese.

La squadra in poco tempo ha imparato molto bene la fase difensiva: 1 solo gol, indenne anche contro l’. Un centrocampo fortissimo con De Rossi-Strootman-Pijanic da spessore. Totti – con la doppietta di San Siro fa 230 gol in – dipinge e Gervinho-Flo pungono. Per adesso non c’è una sbavatura. L’unico neo a Sa Siro è il rosso di Balzaretti uno dei più in forma. Salterà il Napoli.

Uno spettacolo, la travolge l’: 3-0 in 45′. Primo posto indiscutibile. Avanti al 18′ con Totti. Clamoroso palo di Guarin. Raddoppio al 40′…ancora Totti su rigore. Il fallo di Pereira è fuori area. Gervinho imprendibile. Al 44′ tris con Flo, grazie ad una magia difensiva di Totti e la galoppata di Strootman che serve al bacio per il gol.

Nella ripresa doppio miracolo di Handanovic su Flo e Gervinho e gol annullato a Ranocchia per carica su De Sanctis.

Erano le due squadre con i migliori attacchi e le migliori difese, le due sorprese. E la partita ha sancito che la è superiore: 7 vittorie su 7, 21 punti, 20 gol fatti, 1 subito. Primo posto da sola.

Totti verso la leggenda, alla fine, annuncia l’obiettivo : “Non ci sono parole per descrivere questa vittoria: posso dire però che la continuità di questa squadra è la cosa più bella”. Francesco è stato il protagonista assoluto del 3-0 a San Siro. Ammette…”Non è facile vincere 7 partite di seguito, ma continuiamo così. Con questa squadra possiamo fare tutto. Nessuno si sarebbe aspettato questo inizio di campionato, la squadra è messa ben in campo, ha giocatori di livello e quando la testa è libera….”.

Il ‘capitano’, non parla di scudetto: “Ora si può dire tutto, ma il campionato è lungo: noi possiamo competere con tutti, ci sono squadre più forti ma lotteremo per la . Quello è l’obiettivo”.

PAGELLE.
Gervinho 8. Spettacolo nello spettacolo: nelle ripartenze è micidiale, nell’uno contro uno l’ha sempre vinta. Gli manca il gol ma è davvero un particolare.

Totti 8. Non ci sono più aggettivi per questo grande campione, che segna una doppietta (il primo gol è un gioiello di precisione) e dà il la al contropiede per il terzo gol.

Flo 7. Un gol e una grande giocata su cui è bravissimo Handanovic. Anche una gara di sacrificio in fase di non possesso.

Handanovic 6,5. Tre gol sul groppone, è vero. Ma gli venti prima su Flo e poi su Gervinho hanno del miracoloso ed evitano un passivo ancora più pesante.

Pereira 4,5. Commette un fallo ingenuo su Gervinho che costa lo 0-2. Spaesato per tutto il primo tempo, Gervinho lo fa impazzire. E a inizio ripresa Mazzarri lo cambia per (5,5).

Ranocchia 4. Serata da dimenticare. Lo si capisce dall’errore in occasione dell’1-0 della , quando spiana la strada a Totti. Ma non è l’unico: tante sbavature, tante incertezze.

TABELLINO: - 0-3.
(3-5-1-1): Handanovic; Rolando, Ranocchia, Juan Jesus; Nagatomo, Guarin (24′st Milito), Cambiasso, Taider (11′ st Kovacic), Pereira (1′ st ); Alvarez, . A disposizione: Castellazzi, Carrizo, Andreolli, Samuel, Wallace, Kuzmanovic, Mudingayi, Belfodil. All.: Mazzarri.
(4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Benatia, Castan, Balzaretti; Pjanic (11′ st Taddei), De Rossi, Strootman; Gervinho, Totti (35′ st Dodò), Flo. A disposizione: Skorupski, Lobont, Burdisso, gnoli, Jedvaj, Marquinho, Ricci, Caprari, Ljajic, Borriello. All.: .
Arbitro: Tagliavento
Marcatori: 18′, 40′ rig. Totti, 45′ Flo
Ammoniti: Juan Jesus (I), Pjanic, Benatia, Castan, De Sanctis (R)
Espulsi: 34′ st Balzaretti (R) per doppia ammonizione

Nel pomeriggio, Atalanta corsara a Verona. Una rete di Moralez, a secco da quasi un anno, regala all’Atalanta tre punti d’oro a Verona e la prima vittoria della sua storia al Bentegodi con i clivensi. Fa festa l’Atalanta e piange amaramente il Chievo alla sua terza sconfitta stagionale, che forse avrebbe potuto evitare con maggiore attenzione dei suoi attaccanti e un pizzico di fortuna in piu’. Un kappaò che apre la crisi clivense e ingu decisamente Sannino: in riva all’Adige non si è soliti ai colpi di testa, ma la posizione del tecnico campano è diventata molto critica. Sannino lo aveva detto alla vigilia e quello che schiera contro l’Atalanta è un Chievo con diverse novità: in difesa getta nella mischia la coppia di centrali composta da Bernardini e Clainton, mentre a centrocampo si affida all’estro e alla fantasia di Bentivoglio.

Risultati anticipi della settima.
Chievo Verona-Atalanta 1-0
- 0-3

Domenica.
Parma-Sassuolo
Bologna-Verona
Catania-Genoa
Napoli-Livorno
Sampdoria-Torino
Udinese-Cagliari
Juventus-Milan
Lazio-