ULTIM'ORA

Grande Roma, ne fa 3 a San Siro. Totti Re!

serie-a-la-roma-batte-3-0-l-inter-a-san-siro

di Matteo Talenti - La Roma è pronta, l’Inter no! Ne fa 3 anche a San Siro, senza prenderne nella settima vittoria consecutiva.
Risultato ineccepibile anche se il fallo su in occasione del rigore avviene fuori area.
Bene Garcia, ottima la scelta di Sabatini. Giusta anche la sua distanza dalle esagerazioni italiane. Come ha confessato all’Equipe è una presa in giro ai parlare di scudetto dopo 7 giornate. Roma città, invece, potrebbe imparare molto da calma e sincerità di questo francese.

La squadra in poco tempo ha imparato molto bene la fase difensiva: 1 solo , indenne anche contro l’Inter. Un centrocampo fortissimo con De Rossi-Strootman-Pijanic da spessore. Totti – con la doppietta di San Siro fa 230 in serie A – dipinge e -Flo pungono. Per adesso non c’è una sbavatura. L’unico neo a Sa Siro è il rosso di Balzaretti uno dei più in forma. Salterà il .

Uno spettacolo, la Roma travolge l’Inter: 3-0 in 45′. Primo posto indiscutibile. Avanti al 18′ con Totti. Clamoroso palo di . Raddoppio al 40′…ancora Totti su rigore. Il fallo di Pereira è fuori area. imprendibile. Al 44′ tris con Flo, grazie ad una magia difensiva di Totti e la galoppata di Strootman che serve al bacio per il .

Nella ripresa doppio miracolo di Handanovic su Flo e e annullato a Ranocchia per carica su De Sanctis.

Erano le due squadre con i migliori attacchi e le migliori difese, le due sorprese. E la partita ha sancito che la Roma è superiore: 7 vittorie su 7, 21 punti, 20 fatti, 1 subito. Primo posto da sola.

Totti verso la leggenda, alla fine, annuncia l’obiettivo : “Non ci sono parole per descrivere questa vittoria: posso dire però che la continuità di questa squadra è la cosa più bella”. Francesco è stato il protagonista assoluto del 3-0 a San Siro. Ammette…”Non è facile vincere 7 partite di seguito, ma continuiamo così. Con questa squadra possiamo fare tutto. Nessuno si sarebbe aspettato questo inizio di campionato, la squadra è messa ben in campo, ha giocatori di livello internazionale e quando la testa è libera….”.

Il ‘capitano’, non parla di scudetto: “Ora si può dire tutto, ma il campionato è lungo: noi possiamo competere con tutti, ci sono squadre più forti ma lotteremo per la . Quello è l’obiettivo”.

PAGELLE.
8. Spettacolo nello spettacolo: nelle ripartenze è micidiale, nell’uno contro uno l’ha sempre vinta. Gli manca il ma è davvero un particolare.

Totti 8. Non ci sono più aggettivi per questo grande campione, che segna una doppietta (il primo è un gioiello di precisione) e dà il la al contropiede per il terzo .

Flo 7. Un e una grande giocata su cui è bravissimo Handanovic. Anche una gara di sacrificio in fase di non possesso.

Handanovic 6,5. Tre sul groppone, è vero. Ma gli interventi prima su Flo e poi su hanno del miracoloso ed evitano un passivo ancora più pesante.

Pereira 4,5. Commette un fallo ingenuo su che costa lo 0-2. Spaesato per tutto il primo tempo, lo fa impazzire. E a inizio ripresa Mazzarri lo cambia per (5,5).

Ranocchia 4. Serata da dimenticare. Lo si capisce dall’errore in occasione dell’1-0 della Roma, quando spiana la strada a Totti. Ma non è l’unico: tante sbavature, tante incertezze.

TABELLINO: Inter-Roma 0-3.
Inter (3-5-1-1): Handanovic; Rolando, Ranocchia, Juan Jesus; Nagatomo, (24′st Milito), Cambiasso, Taider (11′ st Kovacic), Pereira (1′ st ); Alvarez, Palacio. A disposizione: Castellazzi, Carrizo, Andreolli, Samuel, Wallace, Kuzmanovic, Mudingayi, Belfodil. All.: Mazzarri.
Roma (4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Benatia, Castan, Balzaretti; Pjanic (11′ st Taddei), De Rossi, Strootman; , Totti (35′ st Dodò), Flo. A disposizione: Skorupski, Lobont, Burdisso, Romagnoli, Jedvaj, Marquinho, Ricci, Caprari, Ljajic, Borriello. All.: Garcia.
Arbitro: Tagliavento
Marcatori: 18′, 40′ rig. Totti, 45′ Flo
Ammoniti: Juan Jesus (I), Pjanic, Benatia, Castan, De Sanctis (R)
Espulsi: 34′ st Balzaretti (R) per doppia ammonizione

Nel pomeriggio, corsara a Verona. Una rete di Moralez, a secco da quasi un anno, regala all’ tre punti d’oro a Verona e la prima vittoria della sua storia al Bentegodi con i clivensi. Fa festa l’ e piange amaramente il Chievo alla sua terza sconfitta stagionale, che forse avrebbe potuto evitare con maggiore attenzione dei suoi attaccanti e un pizzico di fortuna in piu’. Un kappaò che apre la crisi clivense e inguaia decisamente Sannino: in riva all’Adige non si è soliti ai colpi di testa, ma la posizione del tecnico campano è diventata molto critica. Sannino lo aveva detto alla vigilia e quello che schiera contro l’ è un Chievo con diverse novità: in difesa getta nella mischia la coppia di centrali composta da Bernardini e Clainton, mentre a centrocampo si affida all’estro e alla fantasia di Bentivoglio.

Risultati anticipi della settima.
Chievo Verona- 1-0
Inter-Roma 0-3

Domenica.
Parma-Sassuolo
Bologna-Verona
Catania-Genoa
-Livorno
Sampdoria-
Udinese-Cagliari
-Milan
Lazio-Fiorentina