ULTIM'ORA

Grande Juve, il 4-2-3-1 è il calcio dei Top!

dybala.juventus.abbraccio.mandzukic.barcellona.750x450

di Paolo Paoletti - Dopo , era fine gennaio, la svolta del 4-2-3-1 fece nascere una nuova Juve, che schimmiottava il Bayern Monaco. Oggi battuto 3-0 il Barcellona, si deve dire che Allegri ha dato una identità nuova. Di respiro europeo, al passo con i top club.
La Juventus cinica del 3-5-2 contiano si è trasformato sui punti di forza: l’ e la difesa, limitando al minimo il reparto divenuto più debole negli 2 anni, con le partenze di Pirlo, Vidal e Pogba.

Con la svolta tattica, Allegri si è preso la Juve, battendo anche le critiche dei tifosi di Conte.
Bisognava avere il coraggio di perseverare sul nuovo modulo anche in Champions per la controprova ai massimi livelli.
E contro il Barcellona, Max ha vinto la sua battaglia!

Giocare con Dani Alves, Alex Sandro, Pjanic, Cuadrado, Mandzukic, Dybala e contro il è stata una dimostrazione di forza e consapevolezza.

Grazie a un Dybala da pallone d’ e un infinito Buffon su tutti.
Poi Chiellini, Dani Alves che ha giocato la sua migliore partita da quando è alla Juve e Mandzukic hanno rifinito il piano.
Il clamso 3-0 ai catalani di Luis Enrique inferocito è merito principalmente l.

Discreto Cuadrado, appena sufficiente , male ancora Lemina.
Questa Juve ha umiliato l’avversario dal 70% di possesso palla, a conferma che questa statistica conta poco nella determinazione del risultato finale.

Nel Barcellona si è ‘salvato’ solo Messi, l’unico a provarci fino alla fine. Anche se Iniesta, Suarez e lo stesso Leo hanno avuto e sprecato 3 palle gol nitide.

E adesso? La strepitosa rimonta ottenuta dal contro il PSG non deve spavene.
Per segnare 4 o 5 gol alla Juve serve un miracolo, non un’impresa.
La difesa di Allegri è la più forte al mondo e pensare ad un crollo al Nou Camp appare poco credibile.
Poi nel tutto è possibile ma con Dybala così e Allegri che ha trovato il coraggio di osare, questa Juve può sognare in grande. Sempre senza perdere umiltà.

NOTE. La Juventus travolge 3-0 il Barcellona nell’andata dei quarti di finale di Champions League e mette una seria ipoteca sulla qualificazione alle semifinali. L’eroe di serata allo um è Paulo Dybala, che realizza una doppietta al 7′ e al 22′ che trasce Messi e compagni. Al 10′ della ripresa è Chiellini con un preciso colpo di testa a realizzare il tris che manda in estasi la Juve. Mercoledì 19 aprile il ritorno al Camp Nou.

VOTI DECISIVI
Dybala 8. Doppietta in 15′ che fa il giro del mondo. E’ tra i big della Champions.
Chiellini 7,5. Gol e gara perfetta in difesa.
Buffon 7,5. Su Iniesta para l’1-1 che avrebbe indirizzato diversamente la partita. Infinito.

Messi 6. L’unico a provarci, ma da tempo cammina per il campo. Allo um nel deserto…
Neymar 4,5. Assente.
Andre Gomes 4. Luis Enrique sceglie prima Mathieu, poi lo fa giocare. E si capisce perchè: inadeguato.

TABELLINO. JUVENTUS-BARCELLONA 3-0
Juventus (4-2-3-1): Buffon 7,5; Dani Alves 7, Bonucci 6,5, Chiellini 7,5, Alex Sandro 6,5; Khedira 6,5, Pjanic 6,5 (44′ st Barzagli sv); Cuadrado 7 (28′ st Lemina 6), Dybala 8 (36′ st Rincon sv), Mandzukic 7; 6,5. A disp.: Neto, Asamoah, Lichtsteiner, Marchisio. All.: Allegri 7,5
Barcellona (3-4-3): Ter Stegen 5; Piqué 5,5, Umtiti 5, Mathieu 5 (1′ st Andre Gomes, 4); Sergi Roberto 5, Rakitic 5, Mascherano 4,5, Iniesta 4,5; Messi 6,5, Suarez 5, Neymar 4,5. A disp.: Cillesen, Jordi Alba, Digne, Alena Denis Suarez, Alcacer. All.: Luis Enrique 4,5
: Marciniak (Pol)
Marcatori: 7′ e 22′ Dybala (J), 10′ st Chiellini (J)
Ammoniti: Dani Alves (J), Suarez (B), Iniesta (B), Mandzukic (J), Khedira (J), Umtiti (B), Lemina (J)