ULTIM'ORA

Gomorra 2, successone tv. Esplode la polemica di polizia e giovani!

fcf186c0fe27e49731db00e07e65100e_XL

di Paolo Jr Paoletti - I due episodi proposti da Atlantic/+1 HD, 1/+1 HD e su On Demand, sono stati visti da1.243.212 spettatori medi (+72% rispetto agli stessi episodi della prima stagione) e 1.414.905 spettatori unici, con una permanenza media dell’88%.

In particolare, il nono episodio è stato il più visto di sempre con 1.264.436 spettatori medi, il 3,67% di share per i primi passaggi (6,45% tra il blico 15-54 anni) e una permanenza dell’84%.

Il decimo ha raccolto davanti alla 1.221.987 spettatori medi, con il 3,73% di share per i primi passaggi (6,4% tra il blico 15-54 anni) e una permanenza del 92%.

Durante la messa in onda dei due episodi, Atlantic è stato nuovamente il canale più visto dopo le prime 7 reti generaliste tra il blico 15-54 anni con una share del 4,4%.

ESPLODE LA POLEMICA. A domanda ad alcuni poliziotti impegnati in zone molto calde come Castel Capuano, dicono:
“non siamo assolutamente d’accordo con quanto viene narrato nella serie. Si tratta di una fiction estremamente diseducativa soprat per i giovani che può stimolare l’effetto emune. Noi impegnati in zone difficili della città assistiamo, quasi ogni giorno, a situazioni molto simili a quelle proposte dalla serie”.

Concordano i gestori di bar nelle zone della Sanità e dell’hinterland come Secondigliano, dove è ambientata la fiction: “purtroppo molti giovanissimi usano, per scippi e rapine, le medesime tecniche osservate nella prima serie di Gomorra. Esempi negativi al massimo. Noi qui ne siamo testimoni oculari”

Alcuni ragazzi trentenni operai nelle fabbriche napoletane e dintorni sono divisi: “noi ci siamo molto divertiti perché sono situazioni davvero inverosimili. Non solo ma siamo certi che siano stati gli attori ad imparare dalla criminalità organizzata e non crediamo assolutamente all’effetto emune”.

In alcune strutture mediche dove sono ricoverati ragazzi ex pusher che hanno spacciato per la camorra, con precedenti penali, con danni notevoli per uso eccessivo di droghe, lì per curarsi, si commenta: “Io Gomorra l’ho fatta e mi riconosco in quelle immagini” dice un ragazzo di circa 30 anni. “Per 10 anni ho spacciato ed ho usato personalmente ogni tipo di stupefacenti dall’ hashish, all’eroina, alla cocaina e al crack. Guadagnavo circa 10.000 Euro a settimana ed avevo come copertura un’anziana settantenne con la quale mi spostavo in un camioncino. Lei ne guadagnava 5000 a settimana. Ma se avessi dei figli non consentirei mai che cadessero così in basso. Gomorra ci mostra quanto i giovani siano affasti dai guadagni facili, come avviene nella realtà. Per cui la serie non è assolutamente esagerata ma realistica”.

Alcuni giovani mostrano il cavo orale completamente senza denti, rovinati dall’uso di droghe, lanciando il messaggio: “non imitateci”.

Colpito che questi ragazzi siano abituati, a modo loro, a seguire le stesse pratiche religiose comuni ai protagonisti della serie di Atlantic. Ci svelano, ad esempio, la propria devozione al Volto Santo e alla Madonna dell’Arco, classiche icone religiose popolari.

Ma l’ascolto di Gomorra 2 la serie “cresce anche nei sette giorni, arrivando a sfiorare ripetutamente i 2 milioni di spettatori complessivi per ogni episodio, in attesa dell’appuntamento di martedì prossimo, 14 giugno, con l’attesissimo finale della seconda stagione, dalle 21.10 su Atlantic HD e 1 HD.

La puntata che fa da anticipazione al gran finale è stata particolarmente piena di colpi di scena. Ci saranno delle ulteriori grosse sorprese martedì prossimo quando si chiude il sipario sulla seconda stagione. Ma la terza è già in preparazione.

Anche sui social network si è riconfermato il gradimento: ieri martedi 7 giugno, i riferiti agli episodi 9 e 10 sono stati 10.500 (fonte Nielsen Social), dati in crescita rispetto alla scorsa settimana (+41%) e rispetto agli stessi episodi della prima stagione (+144%). L’hashtag #Gomorra2 ha raggiunto le prime posizioni dei trending topic di Twitter in Italia ed è entrato tra i trending topic in ventesima posizione. Nella classifica dei trending topic italiani è entrata anche #Scianel.

In crescita rispetto alla scorsa settimana anche la partecipazione sugli account Facebook e Instagram di Atlantic HD: i nuti relativi alla serie blicati nella giornata di ieri hanno generato oltre 9.500 interazioni (più del doppio rispetto alla scorsa settimana), con una social audience su Facebook di oltre 875mila utenti.