ULTIM'ORA

Gol irregolare ma DeLa sbaglia tutto: così sei fuori!

la-moviola-di-europa-league_1065233-201502a

di Paolo Paoletti - Il gol del Dnipro è in fuorigioco. Punto. Capita. E non è uguale se capita alla prima o in finale.
De Laurentis però sbaglia: tempi e modi della protesta. Dice: “Sono incazzato nero questo non è un torneo. Vogliono dare importanza a un torneo importante solo per accedere in Champions, per il resto non vale nulla. Noi lo percorriamo solo perché è una assicurazione per arrivare in Champions”.

Che l’ non valga nulla lo dica quando e se dovesse alzare la Coppa. Anche Coppa Italia e Supercoppa non valgono nulla, eppure ci hanno costruito l’epopea delle Coppette azzurre. Lui e anche . Non svilendo l’Europa si ottengono gae a Nyon, anzi!

DeLa però insiste… “In semifinale servono determinate gae, perché inserire una sestina arbitrale quando non è in grado di gestire la situazione? C’è un monarca come non in grado di tenere alto di questa competizione. Fa figuracce, ora che deve pensare nella sua cameretta buia di Nyon? Che forse ha fatto il suo tempo e che debba andarsene. Posso capire che nelle prime partite possano esserci degli errori, anche se non dovrebbero. Possibile che ci siano errori macroscopici? Dopo 20-25 minuti abbiamo capito che c’era qualcosa che non va”.

Lo stesso discorso lo facciamo ogni domenica in Serie A e il campionato italiano insegna a De Laurentis cosa fare. Il modello è la ntus che dopo 4 scudetti è arrivata alla semifinale di Champions sullo stesss piano di Real, Barça, Bayern Monaco. Per giocare in Europa sxerve un mix di esperienza, qualità, curriculum e del . Cosa che De Laurentis non ha e non avròà mai chi pensa solo ai soldi della Champions.

L’ ha sbagliato in occasione del pareggio del Dnipro, per il resto sono a copertura di una notte sbagliata!
“Sembrava un teatrino delle marionette, alla squadra non posso rimproverare nulla. Siamo stati superiori, ma il Dnipro ha avuto a favore sei arbitri. Che devo pensare? Che è stata combinata? La coppa è già stata data al Siviglia? Ce lo dicano, noi ci facciamo da parte. Noi vogliamo competere con competenza, arbitri e organizzatori del torneo devono avere la giusta competenza. Se vuole governare, welcome! Ma lo faccia con la saggezza di un monarca”.

Caro Aurelio, hai stancato. basta con questo giochetto della bugie depistante, dello sfogo, delle false incazzature.
La verità e che senza i soldi della Champions il non va da nessuna parte. Non potrà trattenere . Non ha futuro.
è diventato presidente Uefa con i voti delle piccole federazioni come la Federcalcio Ucraina. Che esistono scelte di opportunità è ovvio fino al punto da pilotare i sorteggi. Se Blatter sta dalla parte di Mosca avendo assegnato a Putin i prossimi , Michel sta dalla parte di Kiev dove le gesta dello sport aiutano la pace e l’indipendenza ucraina.

Ciò non toglie che De Laurentis deve protestare con Tavecchio e far sentire la voce della Figc a Nyon. Ma proprio i presidenti hanno smembrato la Federcalcio che oggi non ha più in Italia ed è invisa all’estero. Con un presidente inibito per mai. Mai accaduto nella storia del pallone.