ULTIM'ORA

Giulia Arena è Miss Italia: fatti non foste a viver come bruti!

Miss Italia: vince la 19enne siciliana Giulia Arena

di Serena Paoletti - Giulia Arena, 19 anni di Messina, è la 74a Miss Italia, prima targata La7, in diretta tv da Jesolo.

“La marcia è ingranata, questo è solo l’inizio”, mica male per una aspirante starlette!
La nuova regina di bellezza, ha convinto le giurie per la sua personalità decisa che esprime anche con un tatuaggio, poco sopra il cuore, sul 26° canto dell’Inferno dantesco..’Fatti non foste a viver come bruti…’

La serata, chiusasi a tarda ora, si è aperta con un’arringa in difesa del concorso recitata da Massimo Ghini.
E’ stato poi il comico napoletano Alessandro Siani a perorare le ragioni del concorso, che quest’anno ha attraversato mesi di incertezza sul fronte televisivo: “Se proprio bisogna togliere qualcosa in questa Italia – ha detto Siani – togliamo il finanziamento ai partiti, le tasse alle imprese, questa legge elettorale e quei terreni maledetti della Terra dei fuochi. Si fanno leggi per salvare le banche e non leggi per salvare le vite. Togliamo tutto questo ma non togliamo i sogni a queste ragazze. Viva Miss Italia”.

Lacrime di commozione sul viso della reginetta uscente, Giusy Buscemi, inquadrata in primo piano.
Ghini ha accusato anche Rai e : “Vorrei che i bambini stessero a casa e non in tv a cantare”, stigmatizzando il nuovo format-pulito Miss Italia 2013.

63 finaliste, accolte da una faraonica scenografia: 300 mq di videowall ad alta definizione con proiezioni e grafiche ad hoc, luci, colori e scalinata al centro.
Parecchie le ‘papere’, per le poche prove degli attori-conduttori: Francesca Chillemi ha sdrammatizzato con il suo sorriso, Ghini ha recitato le incertezze, specie all’inizio dello show.

Chillemi, incoronata Miss Italia 10 anni fa, è entrata in scena con un balletto, poi protagonista di un’altra coreografia, coloratissima e sensuale, ispirata a Bollywood, e di una divertente vista doppia con Giusy Buscemi, neo col e attrice di fiction.

Le finaliste hanno indossato una maglietta con la scritta ‘Né nude, né mute’, rifiutando gli attacchi della Boldrini presidente della Camera. E Carlo Rienzi del Codacons ha presentato lo ello anti stalking.
Niente numero sul petto quest’anno, ma su un anello da indossare, portato in scena su un vassoio dalle tre miss ‘riserve’.

Entrando nel vivo della gara, il mosaico della bellezza e’ stato diviso in tre parti: Nord, Sud e Centro (con Isole). Le ragazze sono state esaminate attentamente da una giuria di qualità composta dai registi Saverio Marconi e Stefano Reali e dall’esperta di casting Gianna Tani. Con un nuovo meccanismo di eliminazioni e ripescaggi, alla rosa delle 15 ragazze scelte nella prima fase, se ne sono aggiunte sei, riammesse alla gara da altrettanti componenti della giuria di spettacolo: Saverio Marconi, Rita Dalla Chiesa, Salvo Sottile, Caterina Murino, Lucrezia Lante Della Rovere e Massimo Lopez, che ha anche imitato Papa Francesco.

Dal gruppo di 21 finaliste, con l’ingresso del televoto, si è passati a sette, ribattezzate ‘le ragazze d’oro’, poi a tre e, di seguito, al ballottaggio finale tra le ultime due aspiranti al titolo, che si sono esibite in un ballo con Ghini e Bocci.

Dopo aver mostrato una foto di una delle giurie passate di Miss Italia con Marcello Mastroinanni, Monica Vitti, Michelangelo Antonioni, Ghini ha ricordato Luigi Magni, appena scomparso.
Ospiti musicali dello show: Max Gazze’ e Nina Zilli.

Ricordando il papà Enzo, indimenticato patron del concorso, Patrizia Mirigliani ha festeggiato in diretta il suo compleanno. ”Mi sento come se fosse la mia prima serata di Miss Italia”, aveva detto all’inizio dello show. Ora non resta che aspettare il responso dell’auditel.