ULTIM'ORA

Giro, da Alghero al Duomo: chi il 100°?

Presentation of the "Giro d'Italia" cycling race

di Nina Madonna - Il ‘Giro Centenario’ Vincenzo Nibali, vincitore dell’ultima edizione, l’affronta così: “Devi essere molto pronto con la testa e lucido, perché anche nelle tappe che sembrano semplici c’è sempre qualche strappo. Le ultime tappe sono veramente difcili. La Rovetta-Bormio sarà un passaggio molto importante, si mettono i puntini sulle ‘i’. Penso che la prima maglia rosa sarà più da velocista. Conoscendo la Sardegna, non è mai stata semplice. L’Etna? Ho affrontato la salita nel 2011 quando vinse Contador. Questo versante non è molto semplice e il pezzo nale è veramente dif, a volte si può incontrare il vento”.

Il sogno: “A na in maglia rosa? Può essere, mi piace rese con i piedi per terra. Il Blockhaus? Non lo conosco bene. Due grandi arrivi in salita nella prima settimana sono importanti. Bisogna arrivare in grande condizione da subito, perché ci sono anche punte al 14%”.

Fabio Aru, siciliano compagno di squadra svela: “Devi essere molto pronto con la testa e lucido, perché anche nelle tappe che sembrano semplici c’è sempre qualche strappo. Le ultime tappe sono veramente difcili. La Rovetta-Bormio sarà un passaggio molto importante. La prima maglia rosa in Sardegna è più per velocisti. L’Etna? Ho affrontato la salita nel 2011 quando vinse Contador. Il pezzo nale è veramente dif, a volte si può incontrare il vento”.

Anche l’ compagno di squadra è d’accordo nel riconoscere che la 16 esima tappa potree essere decisiva per decidere le sorti della corsa: “Sarà fondamentale per il Giro.E’ una bellissima emozione la partenza dalla Sardegna. Mi ricordo l’ultima volta che è partito dalla mia terra, ero in mountain bike e mi sono fermato a vedere la corsa rosa. Sarà sicuramente una bella emozione. Magari ci sarà l’opportunità di esserci, vediamo. Dopo una prima settimana dif, ci sarà una seconda settimana non fa”.

Partenza venerdì 5 maggio 2017 dalla Sardegna e sull’isola le prime tre tappe. Chiusura domenica 28 maggio con cronometro individuale di 28 chilometri dall’autodromo di Monza a o in piazza Duomo.

Il percorso svolge risalendo lo ‘Sti’ e domenica 14 maggio c’è un altro arrivo in salita sul Blockhaus, secondo massiccio più alto degli Appennini; dopo il giorno di riposo, il secondo, c’è la cronosquadre di Montefalco. Sabato 20 maggio c’è l’arrivo al santuario di Oropa mentre la domenica si giunge a Bergamo con parte del percorso del Giro di Lombardia. Martedì 23 maggio c’è la tappa regina: partenza da Rovetta e arrivo in discesa a Bormio con in mezzo rolo, Stelvio e inne l’Umbrailpass in Svizzera; il giorno successivo altre salite, Aprica, passo del Tonale e traguardo a Canazei.
Giovedì Dolomiti protagonisti nella frazione che si chiude a Ortisei dopo aver scalato Pordoi, Valparola, Gardena e Pinei; la maglia rosa si assegnerà sulle Alpi Orientali, dove si disputeranno le ultime due tappe: la prima si chiude in salita a Piancavallo, la seconda ad Asiago dopo aver superato Monte Grappa e Foza.

TAPPE
Tappa 1, 5 maggio: Alghero – Olbia 203 km
Tappa 2, 6 maggio: Olbia – Tortolì 208 km
Tappa 3, 7 maggio: Tortolì – Cagliari 148 km
Riposo, 10 maggio
Tappa 4, 9 maggio: Cefalù – Etna 180 km
Tappa 5, 10 maggio: Pedara – na 157 km
Tappa 6, 11 maggio: Reggio Calabria – Terme Luigiane 207 km
Tappa 7, 12 maggio: Castrovillari – Alberobello 220 km
Tappa 8, 13 maggio: Molfetta – Peschici 189 km
Tappa 9, 14 maggio: Montenero di Bisaccia – Blockhaus 139 km
Riposo, 15 maggio
Tappa 10, 16 maggio: Foligno – Montefalco 39 km Cronosquadre
Tappa 11, 17 maggio: – Bagno di gna 161 km
Tappa 12, 18 maggio: Forlì – Reggio Emilia 237 km
Tappa 13, 19 maggio: Reggio Emilia – Tortona 162 km
Tappa 14, 20 maggio: Castellania – Oropa 131 km
Tappa 15, 21 maggio: Valdengo – Bergamo 199 km
Riposo, 22 maggio
Tappa 16, 23 maggio: Rovetta – Bormio 227 km
Tappa 17, 24 maggio: Tirano – Canazei 219 km
Tappa 18, 25 maggio: Moena – Ortisei/St. Urlich 137 km
Tappa 19, 26 maggio: San Candido/Innichen – Piancavallo 191 km
Tappa 20, 27 maggio: Pordenone – Asiago 190 km
Tappa 21, 28 maggio: Monza – o 28 km Cronometro individuale