ULTIM'ORA

Gigio, Mino, Silvio ed il piano B per i cinesi!

AC Milan's goalkeepr Donnarumma saves a goal opportunity against Lazio during their Serie A soccer match in Rome

di Nina Madonna – Montella non può prescindere da Donnarumma. Il numero 99 rossonero stato l’uomo della di Doha contro la Juventus, quel rigore parato a Dybala è il punto esclamativo su una carriera da predestinato.
Sorride Mino Raiola, sa che adesso ha una carta in più nella trattativa per il del contratto in scadenza 2018: ci vorranno tanti per arrivare alla firma, almeno 4 milioni l’anno, insieme ad un progetto ambizioso, per riportare il Milan tra le big d’.

NIENTE PROMESSE. L’amore di questo ragazzone di 196 cm per il Milan è forte. Ma nel , i sentimenti contano fino ad un certo punto: la strategia del suo entourage non cade in promesse per una trattativa decisiva per il di tutte le parti. Servirà uno sforzo economico per blindare uno dei portieri migliori del mondo nonostante la giovane età. Nessun allarmismo, segnali positivi, ma il Milan ha un piano B?

PIANO B. “Dietro Donnarumma c’è un altro portiere che mi dicono altrettanto bravo, di un anno più giovane”, Berlus risale al post-, chiama in causa Alessandro Plizzari. Un classe 2000 su cui sono pronti a giurare in tanti ma è probabile che il Milan studi per lui un percorso di crescita che preveda almeno un paio di anni in prestito per maturare esperienza. Per quanto riguarda Gabriel e Storari, il quadro è di fa: nessuno dei due è considerato all’altezza. Motivo in più per Raiola per un braccio di ferro primo probante test del duo -Mirabelli.
Portieri come Donnarumma sul mercato non ce ne sono.