ULTIM'ORA

Germania 1-0, decide Hummels: record semifinali.

World Cup 2014 - France vs Germany

di Marco Innocenti – Al Maracanà, la è la prima seminalista di Brasile 1014.
In vantaggio con Hummels al 13′ del primo tempo ha resistito alla ripresa della Francia che proprio allo scadere ha avuto l’occasione propizia con Benzema stoppata da Neuer con irrisoria facilità. Alla ne Didì conta 13 tiri, 8 nello specchio della porta. Inutili.

La si è dimostrata più forte, i francesi sono venuti meno nel reparto migliore, l’attacco.
Didì può non avere rimpianti, dif fare meglio contro questi tedeschi. La storia dice che nei momenti decisivi ci sono sempre. E da quando c’è Loew sempre in seminale.

Ora si aspetta Brasile-Colombia, ma una seminale Brasile- è quanto la fa aveva predisposto.
Tra i francesi opaco Pogba, mai in partita. Bene Valbuena e Evrà, nonostante l’età.
Tra i tedeschi, ottima prova al servizio della squadra di Ozil e Muller. Sicuro Neuer.

A Hummels la palma del migliore in campo: autore del vincente, in opposizione a Benzema nelle 2-3 occasioni dei galetti.

La partita si è decisa nel primo tempo, non solo per il : dopo una chance per Benzema, è la a prendere possesso della gara.
Fa con l’ottimo Hummels bravo a liberarsi della morbida marcatura di Varane e incornare sotto la traversa una punizione di Kroos.

I tedeschi hanno poi controllato agevolmente per oltre mezz’ora, lasciando solo negli ultimi 10′ la reazione francese: un’occasionissima e altri due tentativi di Karim Benzema.
La ha dato l’impressione di essere più solida. Non vince un Mondiale da ’90, l’ultimo successo fu all’Europeo 1996.
Ma il movimento calcistico tedesco è certamente il meglio in , con quello spagnolo: di qualità, campionato competitivo, una buona guida, vasta possibilità di scelta.
L’8 luglio a Belo Horizonte, un’altro appuntamento col destino.

Per il ct tedesco Joachim Loew è la conferma di una rearità di rendimento impressionante, cominciata nel 2006 ancora assistente di Klinsmann, che ha sempre visto la sua nelle prime quattro tra e Europei. Così anche in Brasile, meritatamente, in quanto il ‘National Mannschaft’ rappresenta un e un campionato all’avanguardia anche tatticamente.

Al Maracanà nessuno ha visto grande spettacolo ma i 28 grandi con 80% di umidità si sono sentiti. Dopo l’1-0 si è itata a controllare facendo ricorso a palleggio e circone di palla, preservando energie dopo la fatica extra-time contro l’Algeria.
Una potente come al solito, che vola a Belo Horizonte dove l’8 giocherà per tornare al Maracanà in nale.

Intanto celebra la quarta seminale mondiale consecutiva, un inedito da record.
Guardando il Cristo del Corcovado, che fa capolino tra la copertura del tempio carioca, sorridono i tedeschi innamoratisi tanto del Brasile.