ULTIM'ORA

Genny ‘a carogna dal carcere: ADL voleva pagarci!

17888566_10212596703178423_1571007432_n

“Agli atti un solo presunto colloquio con il presidente, che si saree complimentato con il mastino per la coreogra che ricostruiva il Vesuvio in curva B. Spiega oggi De Tommaso detto Genny ‘a carogna…
“Si complimentò con noi, voleva finanziarci, ma noi rifiutammo, gli dicemmo che volevamo solo che il Napoli vincesse di nuovo” (da il Napolista).

Condannato a 20 anni di reclusione per droga, De Tommaso ha raccontato questi ed altri retroscena dei rapporti tra frange di tifosi azzurri e la società calcio Napoli. Quanto basta a spingere il pm Francesco De Falco (titolare delle indagini sulla paranza dei bimbi di Forcella) ad aprire un capitolo ad hoc, a proposito di «Precisazioni sui rapporti con la società sportiva calcio Napoli». E c’è un retroscena decisamente più spinoso, che riguarda le presunte pressioni del clan Lo Russo per ottenere dalla società calcio Napoli l’assunzione di Gianluca Grava, a capo del settore giovanile del Napoli. Parole al momento prive di riscontri, su cui sono al lav i pm della Dda di Napoli, che sono state depositate comunque dinanzi alla quarta appello, dove si celebra il processo bis a Genny la carogna.

Ma partiamo dall’aspetto più delicato, quello del presunto pressing della camorra sul calcio Napoli. Il narcos pentito, tra il 2012 e il 2013, avree incontrato Formisano nell’ufficio marketing del Napoli al , dopo essere stato compulsato da due esponenti del clan Lo Russo, vale a dire Luciano Pompeo e Gennaro Palumbo. Ecco cosa avree detto Genny a Formisano: «Guarda, ci hanno mandato a chiamare dei nostri amici a cui non possiamo dire di no e ci hanno chiesto di far entrare Gianluca Grava nel settore giovanile». A questo punto il pm chiede riscontri concreti, per sapere se in quell’occasione De Tommaso avesse fatto i nomi dei due boss dei Lo Russo: «Non facemmo i nomi (di Pompeo e Palumbo), gli dicemmo che la richiesta proveniva da persone alle quali non potevamo dire di no…». Una ricostruzione al momento del tutto priva di riscontri, respinta al mittente dai diretti interessati, a partire da Grava, pronto a difendere la sua integrità professionale: chi lo conosce e lavora gomito a gomito con Grava, è pronto a ribadire la sua estraneità dai circuiti criminali di Napoli, sia come calciatore sia come dirigente; ma anche da parte di Formisano e dello stesso azzurro, che rivendicano invece l’allontanamento sistematico dalla società di frange di tifosi in odore di malavita. Va anche fatta chiarezza su un altro dato oggettivo: Formisano non si è mai occupato di assunzioni nel azzurro, quindi non avree potuto assecondare la presunta richiesta raccontata da De Tommaso. Ma cosa avree risposto Formisano? «Ci disse, poi vi faccio sapere io quando possiamo incontrare il presidente», spiega De Tommaso, anche se l’incontro non è mai avvenuto per esplicita ammissione del pentito stesso. Una risposta, quella di Formisano, che indica semmai la volontà di scrollarsi di dosso un possibile seccatore, ammesso ovviamente che questa aia un fondamento. Raggiunto ieri dal Mattino, Formisano non intende commene il racconto di De Tommaso.

LA LITE IN DISCOTECA
Uomo di «trattative», famoso per la foto del 2014, che lo ritrae sulla staccionata mentre calma la curva azzurra, all’, dopo il ferimento mortale di , Genny la carogna racconta anche i suoi rapporti con Lavezzi. Siamo in discoteca a Bagnoli: «Litigai con Lavezzi e il portiere Navarra, perché da vero tifoso non vedevo di buon occhio il fatto che frequentavano una discoteca dove girava droga. Per questo litigio fui chiamato da Antonio Lo Russo di Miano, che era come un fratello per Lavezzi. Il Lo Russo mi minacciò fuori al bar, sulla via principale di Miano, dicendomi di lasciar se Lavezzi, il quale ci faceva divertire giocando a calcio. Io, pur consapevole di chi fosse il Lo Russo, gli risposi che ragionavo diversamente da lui, perché ero un tifoso. E fu ancora il Lo Russo a costringerci di esporre al , nelle due , lo striscione il pocho non si tocca». E non finì lì. Genny De Tommaso riuscì ad ottenere un chiarimento anche con lo stesso Lavezzi, grazie alla mediazione dell’allora direttore generale Pierpaolo Marino: «Il giorno dopo raccontai tutto a Pierpaolo Marino, gli spiegai il fatto della discoteca, e fu lui a pormi da Lavezzi, lì a Castelvolturno. Mi portò negli spogliatoi, al cospetto di Lavezzi, si fece la doccia, poi andammo nell’hotel Holiday inn, sempre a Castelvolturno». E come andò a finire? «Gli spiegai guarda, che se l’ho fatto, l’ho fatto per te. Perché quella discoteca è una discoteca che non ti appartiene. Gli feci capire la situazione e dopo diventammo amici». Un retroscena privo di risvolti penali, nel corso del quale – bene chiarirlo – c’è solo il racconto di De Tommaso al momento agli atti. Ma è possibile pensare che la società calcio Napoli, nell’era De Laurentiis, aia consentito l’ingresso a Castevolturno di soggetti del calibro di Genny la carogna? Agli atti un solo presunto colloquio con il presidente, che si saree complimentato con il «mastino» per la coreogra che ricostruiva il Vesuvio in curva B. Spiega oggi De Tommaso: «Si complimentò con noi, voleva finanziarci, ma noi rifiutammo, gli dicemmo che volevamo solo che il Napoli vincesse di nuovo” (da Il Mattino).

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply