ULTIM'ORA

Gasp panchina d’oro, Mazzari esonerato: ADL che ne sa di calcio?

gasperini

di Paolo Paoletti - La panchina d’oro per il mitico Gasp era un atto dovuto. L’ gioca il miglior calcio del , ha raggiunto una storica qualificazione Champion e per di più è riuscita nell’impresa di passare agli ottavi!
Quest’anno è ancora al quarto posto che per Bergamo ed il club è come viaggiare nella stratosfera!

L’ di Percassi è un club modello, Gasperini ha saputo ottimizzare un gr4ande lavoro di clun, dirigenti, tecnico, giocatori!!!
Molti dovrebbero imparare come si fa.

Gasp si era imposto già a Genova, ma Preziosi non è Percassi. Così come opzionò Giampiero ma solo seconda scelta dietro .
E mentre Gasperini è stato premiato dai colleghi, miglior allenatore italiano, è stato esonerato dal Torino!
C’è chi può e chi non può capire cos’è il calcio e come si fa.

in 15 anni ha cambiato 8 tecnici (Ventura, Reja, Donadoni, , Benitez, Sarri, Ancelotti, Gattuso). Non ha saputo prendere quello giusto. Capita. Solo ha chi non capisce niente!

LA NOTIZIA. Gian Piero Gasperini ha vinto la panchina d’oro 2018-2019 per la , il riconoscimento che viene assegnato dagli allenatori al miglior tecnico della stagione. Il tecnico dell’ ha battuto la concorrenza di Massimiliano Allegri e Sinisa Mihajlovic.

Gasperini ha ottenuto 22 voti sui 49 che hanno espresso le loro preferenze tra i tecnici a Coverciano. A seguire il più indicato è stato Sinisa Mihajlovic: il tecnico del Bologna, che ha ricevuto il premio speciale del settore tecnico, ha ottenuto 13 preferenze. Sei i voti per l’ex allenatore della Massimiliano Allegri, vincitore delle ultime due edizioni del premio.

“E’ stata una stagione eccezionale: condivido il premio con Percassi, i giocatori e tutta Bergamo”. E’ la dedica di Gasperini vincitore della panchina d’oro per l’anno passato. “La nostra professione è molto complicata – ha detto il tecnico dell’ sul palco a Coverciano per ritirare il premio – ci sono tante tensioni a ogni gara, non solo quando si perde ma anche quando si vince. Però noi allenatori siamo privilegiati, questo premio è motivo di grande soddisne che dedico anche ai colleghi”.

“Se voglio lanciare un messaggio in vista di Fiorentina- di sabato prossimo? Assolutamente sì, l’ultima volta si è un po’ tutti esagerato, anche da parte mia. Ora si riparte da 0-0 a tutti i livelli”. Così Gasperini. “Sabato sarà solo una partita di calcio fra due squadre che giocano bene e puntano ai rispettivi obiettivi – ha continuato il tecnico dell’, che al termine della partita di con i viola sbottò contro i cori offensivi di una parte della tifoseria -. Quella di sabato sarà una gara importante per entrambe, noi cercheremo di fare meglio possibile”. Quanto al premio ricevuto, Gasperini ha commentato: “Questo è frutto di tante persone e tante cose, ad iniziare dal presidente dell’, dai miei giocatori, dal mio staff e da tutta la città di Bergamo, che ci segue con civiltà e passione. Il calcio ha bisogno di esempi come Bergamo”.

Nove premiati, oggi al centro tecnico federale di Coverciano, nell’ambito della Panchina d’Oro, il riconoscimento della che con il voto della categoria premia i ‘mister’ che si sono messi più in luce nella stagione calcistica 2018-2019. Gian Piero Gasperini e Sinisa Mihajlovic, allenatori di e Bologna, hanno vinto rispettivamente la Panchina d’Oro per la e il premio speciale del settore tecnico Gli altri riconoscimenti sono stati assegnati a Fabio Liverani (Lecce, serie B), Fabio Caserta ( Stabia, ), Betty Bavagnoli (Roma, femminile), Alessandro Pistolesi (Empoli Ladies, serie B femminile), Fulvio Colini (Italservice Pesaro, di calcio a 5 maschile), Gianluca Marzuoli (Montesilvano, di calcio a 5 femminile). A Roberto Samaden, responsabile del settore giovanile dell’Inter, è andato il premio alla memoria di Mino Favini, storico dirigente a capo dei giovani di e Como.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply