ULTIM'ORA

Galliani, addio ok a 40 mln: firma ora e saluti a Pasqua.

th

di Nina Madonna – Adriano e dureranno fino alla Befana, quando il metterà nelle calze rossonere dell’AD ben 40 milioni di euro di buonuscita.
E’ questo il finale della trattativa per l’addio di Galliani. E solo dopo aver firmato l’accordo, il dirigente anziano rimetterà mano all’ordinaria amministrazione che durerà fino a Pasqua, quando si consumerà il divorzio e bisognerà affrontare le elezioni Europee.

Le parti hanno raggiunto un ‘accordo’ a suon di milioni e sulla base di promesse precise di Silvio: Galliani non andrà in nessun altro club, per restare nell’orbita in politica e con incarico da definire a .
Silvio ha chiesto all’amico-dirigente di portare a casa il massimo dal nuovo contratto per i diritti tv, posizionando al melgiko le 3 reti del biscione e per garantire al una fetta da 70 di milioni.

Per questi ultimi obiettivi la buonuscita sarà pagata in 4 rate da 10 milioni l’una, praticamente assorbita dall’incremento di fatturato da diritti tv, quindi dal lavoro stesso di Galliani. D’Altronde i -elettori non capirebbero tanti soldi spesi per il dirigente anzichè per la campagna .

Con Galliani saluterà anche il DS Ariedo Braida, resterà il direttore organizzativo Umberto Gandini. A giugno Paolo Maldini si insedierà da responsabile dell’area tecnica, Claudio Fenucci come amministratore delegato. Il nuovo ds dovrebbe uscire da una rosa di molti candidati: Sean Sogliano del Verona e Daniele Pradé della .
Paratici () e Sabatini () sono irragiungibili, Riccardo del Napoli è stato bocciato.