ULTIM'ORA

Gabbiadini: “grazie me ne vado…”

gabbiadini-475x345

di Paolo Paoletti - Il destino di essere vice è giocare quando il titolare non c’è.
Manolo Gabbiadini ha risposto: gol e applausi del San Paolo. Non si sente un vice, ruolo impostogli da Maurizio Sarri.
Per questo se ne andrà. Lo ha chiesto a gennaio, niente è cambiato.
Il ‘cannibale-del-gol’ gli ha tolto un anno di carriera, saprà rifarsi altrove.
Tra campionato e coppe 11 goal in 30 presenze. Il ruolo da vice l’ha penalizzato, nonostante ciò Gabbiadini quando è stato chiamato, ha risposto sempre: in campionato solo 438′ giocati con 3 gol; nelle coppe 375′ con 4 goal.
In 7 reti, con una media di 1 gol ogni 116 minuti.
E’ l’italiano più prolifico nel rapporto reti/minuti giocati.
L’ultima la più pesante, che ha sbloccato il risultato col Verona.

NAFTALINA. Gabbiadini era nel dimenticatoio. L’infortunio di novembre con la sembrava addormenlo, ma il Napoli non ha voluto cedere. L’uscita prematura da Coppa Italia ed non lo ha aiutato.
intoccabile, Gabbio è ai margini, rimpiangendo il Wolfsburg che a gennaio aveva portato 25 milioni sull’unghia e un ottimo ingaggio.
De Laurentis non ne ha voluto sapere. Quindi l’unica speranza era infortunio o squalifiche di . Senza uno stop dell’argentino il suo campionato era già finito.

L’OCCASIONE. E’ arrivata: 4 giornate al Pipita, la maglia 23 al centro dell’attacco: Manolo non poteva che segnare.
Lo ha fatto, ma Sarri lo ha tolto al 67’!
Terzo gol in campionato contro i 30 di , ma la media minuti-gol è all’altezza del titolare.
Restano 2 partite certe, 180′ per decidere il suo . Quando tornerà Higuaìn forse già contro la Roma, Gabbiadini rà.

DOMANI. Gabbiadini pensa solo a segnare. I gol argomenti per il suo a fine campionato. L’attaccante freme, è deluso, vuole giocare titolare. Il problema non è soltanto il ruolo di vice, ma la posizione in campo.
Sarri lo vede ‘solo’ centrale, Gabbiadini si sente versatile.
Col Verona tolto alla prima occasione: ecco perché la conferma dell’allenatore, spinge Gabbiadini lontano.

QUANTO COSTA – De Laurentiis è pronto a prenderne atto, ma per l’attaccante chiede non meno di 25 milioni. Si aspettano offerte, anche dall’estero, ma ad oggi non si parla di possibili acquirenti. Altrimenti è possibile che nel caso di una clamsa partenza di De Laurentiis decida di promuovere proprio Manolo come suo erede. I gol che potrebbe segnare in queste partite spingerebbero in questa direzione, ma ad oggi è diffi vedere lontano da Napoli, seppur non impossibile. Altre due partite per prendersi il Napoli, ma in tà Gabbiadini vuole una maglia da titolare. Anche altrove.