ULTIM'ORA

Fuccillo spiega la Roma: è 4a forza?

simeone.dzeko.fiorentina.roma.contrasto.2018.2019.750x450

E’ un piacere leggere l’amico Mino Fuccillo che scrive della sua . Dopo un lungo tempo, con anni tristi per amici veri comuni e quindi per noi tutti, saluto il ritorno alle cronache ive di Mino. A voi.

di Mino Fuccillo* – Se non vince, si perde soprattutto la . Si perde il contatto ravvicinato con il quarto posto. Quarto posto che per la è un obbligo. Per la Fiorentina solo un sogno. Juventus primo livello, e Inter secondo livello. E al terzo livello , e per il quarto posto. Questo è oggi il campionato!

Comincia dunque a Firenze al pomeriggio di un sabato e chi non vince si perde almeno in questa stazione la coincidenza per il quarto posto. Comincia con una che deve, senza se e senza ma. E con una Fiorentina che può, ma anche no. Finisce che si perdono entrambe la vista ravvicinata sull’alta classifica. Finisce in pareggio, uno a uno. Finisce uno a uno grazie ad un rigore che la (Olsen) forse non commette ma che la (Under) si merita.

Finisce uno a uno grazie a Florenzi che ritrova e ripesca la partita ma non la squadra. Uno a uno che per la è un guaio, che sa di declassamento in atto. Per la Fiorentina è un ascensore in classifica mancato, ma nessun guaio e nessun vero dolore. Finisce con una che recupera la partita che sembrava andata. Ma lascia anche una tremenda impressione: che sia in formazione, già formato, per lei l’anno peggiore da svariati anni. Finisce con la Fiorentina che fa un punto che fa salute, umore e che non cambia il ruolo in classifica. Finisce con la fulminata da un calcio di rigore che c’era e anche non c’era, vai a misurare. Ma che la si è meritata in pieno di averlo contro quel calcio di rigore: quando fai quel che ha fatto Under appoggiando verso l’area al centravanti avversario, allora un rigore contro te lo meriti.

Era cominciata con la schierata senza e Manolas e quindi con il retro pensiero di tutti che lì dietro sarebbe stata dura per Juan e Fazio. Dura contro Chiesa folletto veloce e Simeone centravanti vero, anche se mini. Tutti pensano al peccato originale della nell’estate vendite/: aver creduto di avere una gran difesa senza averla davvero. E quindi ci si prepara da parte giallorossa (in campo in tenuta bianco sporco) a tremare là dietro. E invece non si trema là dietro, anzi va non c’è male, quasi bene. Là dietro. Quelle che tremano sono là davanti le colonne di gelatina tremebonda dei cosiddetti “esterni alti”. La deve fare i conti, conti in deficit, con la brillante evanescenza di El Sharaawy e l’acerba, strutturalmente acerba di Under. Con pesi così sulle ali non si vola. Basta un Kluivert a fare un po’ meglio. Con pesi così sulle ali…In mezzo al campo il vaporoso Zaniolo e il levigato Pellegrini. Bastano e non bastano. La è tutta così. Come Dzeko. Che c’è e non c’è.

Comunque comincia. E cerchi invano un presagio dopo che si è cominciato. Un presagio Gerson che di gran voglia la toglie a Dzeko al primo minuto? Un presagio Dzeko molle nel pallonettare su Lafont al minuto 3? Un presagio El Sharaawy che va a giro…fuori porta? Un presagio Chiesa che corre e sballa nel tiro? Un presagio Simeone che la sparacchia a lato? Non succede quasi nulla per una mezz’oretta. Nulla può far presagire quel che Under sta per fare (se non una profonda e intima conoscenza della fenomenologia nista, ma questa è altra storia…). Dopo il rigore…deus non vult. La tira, deus devia la palla sul palo . La se ne trova due in area col pallone pure lui lì, deus li confonde entrambi. Prosegue che deus del calcio si stufa di non volere versus . E quindi al dodicesimo minuto del secondo tempo si frappone tra Chiesa e Simeone che…la metto dentro io, la metti dentro tu? Fiorentina grazia la , era due a zero fatto. Da quel momento non che proprio la risorga, ma almeno ricammina, risale. E alla fine pareggia per piede di Florenzi. Giusto così, nessuno dalla cintola in su della meritava di essere lui a firmare il pareggio.

Fiorentina: 14 reti fatte in casa, tre subite. E 16 punti in classifica. E una discreta difesa, buona soprattutto in Vitor Hugo. E buon Veretout. E buon Gerson. E buonisimmo Chiesa. E nessuno male, neanche malaccio. Che vuoi di più? Bhe, era venuta voglia di volere qualcosa di più. La si sgancia dal treno ed è quella che si chiama crisi. La Fiorentina si perde un appuntamento con una miss. Peccato, ma non era destinata a fidanzarsi con la .

* da calciomercato.com

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply