ULTIM'ORA

Didì contro la storia, Loew contro la febbre!

Francia-Germania-1982-2

di Cocò Parisienne e Marco Innocenti – Francia- apre i di nale, dove si fa sul serio.
La Francia lo sa, Deschamps di più. ‘Didì’, Campione 1998, allena i transalpini e carica: “Le scontte coi tedeschi nel 1982 e nel 1986 non contano. Siamo quì per riscrivere la nostra storia, e vogliamo sia bella”.

“La è solida ed esperta ma non c’è tensione. E’ un piacere giocare un quarto”.
La statistica vuole la sempre tra le prime 4 al mondo da quando c’è Löw.

Didì spiega: “Mano mano che si va avanti il livello si alza, dovremo essere al massimo. Per noi la svolta è stata il 19 novembre 2013, quando ci siamo qualicati. Ora non possiamo tornare a casa”.

Dallaltra parte il refrain è identico.
“Vogliamo arrivare lontano, nora non siamo mai stati al meglio delle nostre possibilità”. Joachim Loew sente il Maracanà, la Francia, lòa sda da dentro o fuori. “Un terzo della squadra ha problemi di a, ma si sono allenati tutti. Andremo in campo con molta ducia”.

Loew non si scompone alle critiche dopo l’Algeria…
“Le polemiche sul ruolo di Lahm, non mi toccano. Contro l’Algeria ci hanno criticato, ora siamo estremamente preparati per la Francia”. +
Niente formazione: “A causa degli sbalzi di temperatura e l’aria condizionata, bisogna vedere l’evoluzione delle cose: oggi c’erano tutti nonostante il raffreddore”.