ULTIM'ORA

Francesco a rischio? Sigilli violati…

POPE: GENERAL AUDIENCE

di Domenico Chiesa - Altro che Dan Brown, il giallo in Vaticano non è solo il colore della bandiera. Gli Acta Apostolicae Sedis, la “Gazzetta ufficiale” della Santa Sede, rivelano che il mattino del 14 , all’indomani dall’elezione a Papa di Jorge Bergoglio, un episodio inquietante avrebbe scosso il Conclave!

Bergoglio non molla, senza esitazioni e paure! Ieri la Pontificia Commissione ha adottato ieri la legge n. 18 in materia di trasparenza, vigilanza e informazione finanziaria che attua il Motu Proprio di papa Francesco dell’8 agosto scorso. Rafforzati i poteri di vigilanza dell’Aif contro il riciclaggio. Oggi prima dell’udienza generale, ha fatto il consueto giro tra i fedeli di Piazza San Pietro, a bordo della “campagnola” scoperta, rifiutando di ripararsi dalla pioggia con l’ombrello. Ma anche a portata di aggressioni e attentati. Il Pontefice prima di iniziare l’udienza sul sagrato di San Pietro si è solo asciugato il volto con un panno portatogli dai collaboratori. Cosa si porta dentro il vero rappresentante di Gesù?

Alle 12.45 del 14 – Bergoglio è stato eletto alle 20.12 della sera precedente – l’arcivescovo Pierluigi Celata, vice Camerlengo e membro della Camera apostolica che regge la Santa Sede durante il Conclave, con 2 ufficiali delle guardie svizzere, fa il giro dell’appartamento papale per spezzare i sigilli posti la sera del 28 febbraio, all’atto delle di Joseph Ratzinger.

Le norme sul Conclave, prevedono che alla morte del Papa o alle sue , l’Appartamento papale debba essere sigillato.

Celata, mai nome fu più profetico, scopre incredibile: “6 su 7 degli accessi hanno i sigilli rotti… compreso quello all’ascensore privato del Papa dal cortile Sisto V, porta che accede alla sala Clementina e alla biblioteca privata. Sei su 7 ad eccezione di uno”.

In Vaticano si scatena l’inferno, tenuto debitamente segreto. Perché sono stati rotti i sigilli? Perchè 6 su 7? Non sarebbero un caso, ma un preciso segnale. L’Apocalisse, capitolo 8, recita: “Quando l’agnello aprì il settimo sigillo nel cielo si fece un silenzio di circa mezz’ora e vidi i sette angeli che stavano dinnanzi a Dio e furono loro date sette trombe”.

I sigilli rotti sono un’Apocalisse figurata? Un segnale al Papa? L’annuncio della nella Curia di ? La rottura dei poteri della Casa di Dio?
Con la divulgazione del segreto, pubbblicato dal Secolo XIX°, riemerge anche la morte di Papa Luciani. Ancora avvolta nel mistero. Ovviamente ipotesi…
Ma c’è chi giura dice che la decisione di Papa Francesco di rinunciare agli appartamenti papali per vivere a Santa Marta sarebbe dettata da questo incredibile episodio. Chi ha rotto i sigilli, perchè? È entrato nell’appartamento del Papa? Quale sicurezza garantisce l’Appartamento Papale?

Jorge Mario Bergoglio dice di aver scelto Santa Marta “per stare in mezzo alla gente”. Anche di notte…per non essere mai solo ma sempre circondato da persone. Possibile che un Papa non senta il bisogno della riservatezza? Perché?

Gli Acta Apostolicae Sedis svelati, sono certamente il miglior soggetto per un nuovo nzo di Brown. Se non l’indizio di una storia di morte di cui oltre le Mura nessuno vuol parlare.