ULTIM'ORA

Flop De Laurentis, Lotito, Cairo: sfuma il blitz anti-Malagò!

1657732-35152566-2560-1440

di Nina Madonna - Il blitz anti-Malagò è andato in fumo! De Laurentis, Cairo e Lotito, ne escono sconfitti e derisi. L avevano tramato mettendo insieme 8 nel tentativo di indire l’assemblea elettiva per il 14 febbraio, convocata per la nomina di un presidente della Lega di .
Manovra meschina e sta in assenza del commissario Malagò.

è slittato al 27 febbraio, quando Malagò sarà al suo posto, fisicamente.
Deciso oggi, dopo che 8 società (Benevento, Bologna, Fiorentina, , Juventus, Roma, Sampdoria e Sassuolo) hanno annunciato che al vertice del 14 non avrebbero partecipato, con Malagò in Corea del Sud.

Con 12 in assemblea, sarebbe mancato il numero legale (14) per poter procedere a nomine.
Non avrebbe avuto senso continuare.

Come non aveva senso, ciò che era stato fatto negli ultimi giorni, la mozione proposta da 8 capitanati da , e Torino per una assemblea elettiva in assenza del commissario di Lega Malagò.

Atto di sfiducia per la scelta della Giunta , la scorsa settimana, di proporre/imporre Malagò alla guida dei 20 di .
Vince ancora Malagò che dalla Corea aveva parlato di “questione di stile”.

La situazione è tornata sotto controllo alla ricerca di una tregua che alla , oltre al miliardo e 50 milioni di diritti , porti pace e correttezza istituzionale.

. “Ricevuta in data odierna formale comunicazione che un gruppo di società non avrebbe partecipato all’assemblea del 14 febbraio facendo di conseguenza venir meno il numero legale per la validità della stessa – spiegano in Lega – il vice commissario Nicoletti, in accordo con il commissario Malagò, ha informato tutti i che la riunione sarà posticipata alla data già prevista del 27 febbraio”.