ULTIM'ORA

Figuraccia Napoli: lezione da Klopp, Carlo rischia…!

C_29_fotogallery_1022580__ImageGallery__imageGalleryItem_10_image

di Mary Bridge - Carlo Ancelotti spiega la vergognosa guraccia con il . “Perdere brucia sempre e prendere cinque gol deve darci fastidio. Abbiamo provato a giocarla a viso aperto, con i ragazzi stiamo facendo un lavoro un po’ differente rispetto al passato e abbiamo perso tante volte la palla in uscita. Dopo l’avvio dif siamo stati al loro livello, ma ci siamo esposti al contropiede che è la loro arma migliore. Si deve far di più in avanti senza dubbio, soprat nella costruzione delle azioni. La manovra deve essere più limpida, oggi siamo stati lenti e quando sei lento è sempre più dif. Gli attaccanti non si sono mossi male, ha sempre cercato la profondità, siamo andati in fuorigioco per poco ma quella è la nostra idea. Non possiamo dare colpe agli attaccanti. Dobbiamo mantenere la ducia e l’entusiasmo, anche se torniamo con i piedi per terra dopo questa partita. Ma in questo momento dell’anno le scontte possono servire. Meglio farle adesso certe guracce”.

La batosta rilancia le scelte di mercato: “Il di Koulibaly è un segnale importante della società, dimostra la voglia di voler far bene ancora. Lo sforzo fatto in questi mesi è importante. Avevo chiesto alla società di non vendere i giocatori importanti e sono stati mantenuti tutti, il club ha mantenuto la promessa. Questa è la rosa che mi soddisfa, sono convinto che questa squadra abbia ottimi valori”.

Un disastro l’amichevole del Napoli all’Aviva di Dublino contro il . Tanti i limitisveòati da questa amichevole: Karnezis che non è all’altezza, errori banali di Albiol e Koulibaly, centrocampo lentissimo, attacco da ridere! La partita è durata appena 10′ il tempo di vedere il doppio vantaggio del
I Reds nalisti dell’ultima League ne hanno fatti 5-0 dominando dall’inizio alla ne. Dopo nemmeno dieci minuti la squadra di Ancelotti si trova sotto per 2-0 con reti di Milner al 4′ e Wijnaldum al 9′. Nella ripresa gli uomini di Klopp dilagano con Salah al 58′, Sturridge al 73′ e Moreno al 77′.
prende cinque sberle dal , nel primo test di livello della stagione.

La squadra di Juergen Klopp mette a nudo tutte le incertezze della formazione azzurra, a partire dagli equilibri difensivi, no agli automatismi in attacco, che mancano e restano schiacciati dal dinamismo, ma soprat dalla pressione dei Reds. Sotto accusa in particolare la difesa, con Koulibaly nella sua versione più svagata e Luperto che non regge l’urto sico degli esterni inglesi, ma soprat con Karnezis sul banco degli imputati per almeno un paio di gol subito in modo discutibile. Ma è il Napoli che non gira e dimostra di essere lontano dalla forma migliore.

Il , invece, parte fortissimo e mette subito la partita in frigo: Salah fa quello che vuole a destra, passa a Mané che trova Milner pronto a battere Karnezis. Il Napoli accusa il colpo, Koulibaly regala palla a Salah, ma Albiol salva su Mané; un minuto dopo, pero’, Karnezis sbaglia l’uscita su corner e Wjinaldum inla di testa a porta vuota. Gli azzurri si svegliano, provano a prendere in mano le redini della partita e ci riescono nella parte centrale del primo tempo, ma le iniziative offensive si afdano praticamente solo all’estro di Insigne che ci prova in un paio occasioni, ma senza fortuna.

Proprio Insigne, negli minuti del primo tempo, serve un assist a , che accorcia le distanze, gol annullato per fuorigioco.
Nella ripresa il valzer delle sostituzioni mette a nudo la maggiore qualita’ della rosa del , che continua a dominare, nendo al meglio i tentativi offensivi del Napoli e colpendo in contropiede.

Il Napoli si slaccia, Salah segna il 3-0 fra le proteste dei difensori azzurri, per una presunta spinta ad Albiol in area.
Ancelotti cambia Milik, Hamsik, , Fabian Ruiz, Insigne e Albiol, per fare spazio a Inglese, Diawara, Verdi, Rog, Ounas e Maksimovic. Il , che domenica prossima esordirà in campionato ed è più in forma, regge meglio alla distanza e dilaga con Sturridge e Moreno. Prossimi test per il Napoli il 7 contro il Borussia Dortmund e l’11 contro il Wolfsburg.