ULTIM'ORA

Fiat-Figc, assurdo: la Nazionale è italiana!

z2_368

di Paolo Paoletti - Finalmente ci siamo: il conflitto di essi FIAT coinvolge anche il calcio. Fino alla , il che significa: FIGC, arbitri, risultati, tutto il movimento dai dilettanti alla .

Giancarlo Abete si rizela: “La Fiat non sponsorizza la Federcalcio, ma la che è un valore italiano superpartes. La Figc ha introiti per circa 180 milioni all’anno e con questi svolge tutta una serie di funzioni, tra cui quelle primarie come il Club Italia, gli arbitri, la giustizia sportiva. Ma non esiste un rapporto diretto tra le entrate dalla Fiat e l’attività del mondo arbitrale che, tanto per capirci, consta di 700mila partite a stagione, dalla ai dilettanti”.

Come non può esistere rapporto diretto tra e attività federale?
Se la pay per gli essi di Sky e Mediaset ha cambiato l’asse portante del calcio, la mporaneità delle partite, pagato 1 miliardo l’anno, come non si deve immaginare l’ferenza anche indiretta di Fiat su tutte le componenti federali che decidono le sorti dei campionati, del movimento calcistico tutto…
Le ragioni di opportunità sono prioritari, proprio per difendere la terzietà della ed il suo ruolo superpartes.
La Figc è un ente pubblico e vive di soldi degli italiani. Deve restare illibato, gli sponsor li trovasse in settori che non hanno implicazioni di primo, secondo o terzo grado con il calcio.

Abete insiste: “Il nostro advisor in questi anni è stato Sport, prima ancora Publitalia: se rincorriamo la dimensione delle scelte strategiche di grandi gruppi che operano a livello in relazione ai vari abbinamenti, non si farebbe nessuna attività di tipo istituzionale. Il rapporto nato con Zucchi, cui fa capo la Bassetti, va avanti da molto tempo. Buffon ha avuto un cammino all’no della società che lo ha portato ad avere adesso il ruolo di maggior azionista, ma nonpenso che per Figc ci possa essere un qualsiasi tipo di controindicazione nel collegamento conuno deisimboli del calcio”.

Abete può dire ciò che vuole ma le cose stanno diversamente.
Ad di Exor, proprietaria della Juve non può essere nel board operativo di Sky. Diego , patron della e Andrea , presidente Juve non possono essere soci di Gazzabet che banca scommesse sul calcio, quando ai tesserarti è vietato scommettere. Cosi la non può essere sponsorizzata Fiat.
E’ una vergogna!

Il calcio italiano ha perso credibilità affossato dai continui scandali e dagli orrori arbitrali che settimanalmente avvelenano il campionato.
Almeno la lasciamola fuori da intrighi e sospetti.
E che per una volta non siano sempre i soldi a decidere!!!