ULTIM'ORA

Fesserie spagnole, BB svela: vincere vendendo maglie.

20110301_berlusconi-barbara

di Carmen Castiglia – Gli occhi li fa strabuzzare ai lettori…in un’vista a Vanity Fair Spagna ha declinato e affari, nel suo ruolo di amministratore delegato nel .
La figlia del padrone del club rossonero spiega i suoi progetti per la società: “Il è settore in espansione in cui c’è ancora molto da fare. L’importante non è solo vincere titoli, ma anche fare soldi. Il nostro è il , ma ci sono innumerevoli attività collaterali che possono generare molti profitti, come la vendita delle magliette e le sponsorizzazioni”.

Ma BB che non ci è… perchè ci fa?
Di merchandising vive da secoli il Manchester United, Real Madrid e Bayern Monaco hanno il 30% del fatturato proveniente dagli sponsor. Bb va a raccontare queste banalità proprio al Paese con il club a più alto reddito del Mondo?

Mentre la squadra è concentrata al massimo per cercare di raggiungere l’, il club continua a lavorare al progetto del nuovo o, aspetto centrale per il nuovo corso del . La grande novità è che l’area Expo non è più l’unico spazio individuato dai rossoneri per costruire l’impianto di proprietà. Secondo quanto riferito da “Repubblica”, infatti, il starebbe pensando anche all’area militare dello storico quartiere di Baggio.

A metà il ha inviato ufficialmente la propria manifestazione d’esse per l’acquisizione di parte dell’area destinata a ospitare l’Expo fino al 31 ottobre del 2015. Un passo ufficiale, che però non esclude la possibilità di valutare altri terreni disponibili. Il club rossonero, infatti, potrebbe abbandonare l’area extraurbana dell’Expo 2015 (periferia nord-ovest di o) e optare per o.

Il nuovo o, come spiegato da ‘Repubblica’, potrebbe dunque sorgere all’inizio dello storico quartiere di Baggio. Si tratta di un’ampia area del Demanio militare, un tempo utilizzata per le manovre dei soldati e abbandonata da tempo. E’ in pmità delle tangenziali ed è ben collegata grazie alla vicina metropolitana. Ma fare la differenza, alla fine, sarà soprattutto il costo dell’area.