ULTIM'ORA

Ferlaino spiega: Higuain restava così…

ferlaino

di Nino Campa - L’ex presidente del , Corrado Ferlaino, ha spiegato perchè De Laurentis ha sbagliato nella cessione di Higuain: “bisognava aumengli lo stipendio dopo l’espulsione di Udine, quando Gonzalo aveva mostrato molto attaccamento al ”.
Finalmante uno che sa quel che dice e gliene dice quattro a questo cinepresidente.

Ferlaino va oltre e spiega con molta chiarezza: “De Laurentis doveva comprare due giocatori importanti a gennaio, c’erano le condizioni per provare a vincere lo scudetto”.
La ‘terza stoccata’ arriva sul : vincere lo scudetto adesso è quasi inutile… bisogna pune ad essere tra le prime 4-5 club d’Europa. La differenza la fa solo vincere la Champions. Per questo la ha fatto grandi acquisti, vincere in Italia non basta più”.

Giustissimo, quindi?
“Due possibilità: se non si vuol competere, bisogna fare una squadra di e affidarla a Sarri”.
A 85 anni, Corrado Ferlaino è molto più lucido di De Laurentis e sopra oggi farebbe del una squadra molto competitiva con i soldi dei diritti televisivi.

Due scudetti, una Coppa Uefa, la Coppa Italia, una Supercoppa ed un Coppa Angloitaliana: soddisfatto in trent’anni?
“Solo due Scudetti in 90 anni? Se partiamo da questo ragionamento, non sono stati pochi. Fare il salto di qualità fu molto complicato e non soltanto per gli aspetti economici. Se un sbagliava ai danni del , non accadeva nulla; se il torto riguardava , Milan e Inter, un chiudeva la carriera. Serviva una speciale cura nei rapporti con il Palazzo che ho sempre avuto. Se siamo arrivati a vincere i due scudetti dobbiamo ringraziare San , anche se prima di lui tre volte eravamo andati vicini al titolo: ricordo ancora quelle partite contro l’Inter e l’ Gonella a San Siro, la a Torino e il Perugia al . ha rifiutato la ? Lui andare al Marsiglia, era già d’accordo con Tapie. Non perchè fosse attirato dai soldi, piuttosto gli piaceva l’idea di cambiare squadra, , Paese. Io riuscii a bloccarlo perchè erano altri tempi: i giocatori erano realmente vincolati dai contratti, restavano quasi a vita in un club se il presidente non voleva cederli. Ma un fatto è certo: non sarebbe mai andato alla , amava e ama ancora profondamente e il ”.