ULTIM'ORA

Fede afferra la bandiera: cuore a mille, quarta Olimpiade.

C_29_fotogallery_1014492__ImageGallery__imageGalleryItem_4_image

di Serena Paoletti - E’ iniziata ufcialmente al Quirinale l’avventura olimpica della spedizione na per Rio 2016. Le portabandiera Federica e Martina Caironi hanno ricevuto il tricolore dal presidente della Reblica, Sergio Matella. “Sono onorata ed emozionata, ho il cuore a mille. Questo giorno per me è il coronamento di tanti anni di carriera. Si fa fatica e poi ci si gioca in pochi minuti, è il bello dello sport”, ha detto la nuotatrice.
“Sarà la quarta Olimpiade ed ho perso il conto delle bracciate che ho fatto e qui siamo in tanti ad aver fatto sacrici. L’Olimpiade muove i nostri cuori, i nostri sogni piu’ grandi, e le nostre menti. Andiamo a Rio con la voglia di combattere no alla ne, soffriremo e ci faremo il a vicenda, con la prospettiva comune di migliorare come donne e come uomini. Grazie all’ per avermi dato l’onore di essere il suo alere”, ha aggiunto la .

MALAGO’: “ONORARE LA MAGLIA AZZURRA”. Il presidente del Coni, Giovanni , ha promesso il massimo impegno da parte di tutta la squadra. “A Londra aiamo conquistato 28 medaglie. Tre purtroppo non farano parte del programma olimpico quindi sappiamo benissimo che fare questo raffronto numerico è azzardato. Le prometto però che faremo di per onorare la maglia azzurra perché sanno di rappresene l’orgoglio del Paese. Per noi oggi è una giornata diversa dalle altre, gli atleti sentono moltissimo la responsabilità che il mondo dello sport ha nei confronti del paese, di tutta l’opinione blica. Ad oggi i qualicati sono 259 ed alcune federazioni devono complee le qualicazioni. Quasi il 50% delle presenze è donna ed anche questo è un record. A questo proposito siamo felici che sia una donna (Federica , ndr) simbolo di questo movimento con i risultati che ha ottenuto a rappresene tutta la delegazione na a Rio”, ha spiegato.

MATELLA: “ONORERETE LA BANDIERA”. Nel giorno della consegna del tricolore, il Presidente Sergio Matella, ha “benedetto” la squadra na in partenza per il . “Le sono una condizione, una occasione di solidarietà, pace, amicizia, lealtà e competizione con rispetto degli altri. Questo messaggio deve essere così forte e positivo, ogni quattro anni si rinnova, ed è elemento di speranza in il mondo”, le sue parole.
E ancora: “Vi auguro di raccogliere molte medaglie, ma sono i vostri comportamenti e le vostre prestazioni che quindi daranno onore e terranno alto il nome dell’ alle . Sono comunque sicuro che voi lo saprete fare e che la bandiera che riconsegnerete sarà stata onorata dai vostri comportamenti e dalle vostre prestazioni”.

CAIRONI: “PARALIMPIADI, EMOZIONI PROFONDE”. Anche Martina Caironi ha ricevuto il tricolore, lei portabandiera dei Giochi paralimpici. “C’è un grande augurio che vorrei fare, che non solo che il Comitato Paralimpico possa continuare a crescere ma possa continuare ad emozionare e far batte i cuori, come sta battendo ora a me, di tutti gli atleti e degli spettatori, perché lo sport paralimpico forse ha in piu’ di poter muovere certe emozioni nel profondo. Noi atleti paralimpici superiamo prima una disabilità e poi dimostriamo al mondo che vogliamo fare sport, e il nostro corpo diventa bello e agile come gli atleti olimpici”, ha detto.