ULTIM'ORA

Fazio contro l’ingerenza politica, Anzaldi: teme per mega stipendio!

Rai: Fazio, mai ingerenza politica così forte

di Romana Collina - “Mai l’ingerenza è stata così forte sulla blica. Parlo di gestione dell’azienda, tetto blicità, compensi. Non c’è azienda al mondo che possa reggere sul mercato con qualcuno che da fuori detta ree e mette paletti”. Lo ha detto Fabio Fazio intervistato da Aldo al della di Dogliani. “Si sta chiedendo alla Rai qualcosa di impossibile, non vorrei essere nei di questa azienda. Io che sono tra pochi ad avere il lusso di poter scegliere di andare a lavorare altrove, ho il dovere di dire la verità”.

Ansaldi, deputato Pd e segretario della Commissioen Vigilanza Rai dice: “uno scivolone, una caduta di stile, un auto. Non saprei in che altro modo definire la dichiarazione di Fazio. Con che faccia si possono sostenere quelle cose? E l’editto bulgaro? La stagione delle telefonate in diretta da Santoro? L’epurazione di Biagi? dimenticato perché viene toccato il suo mega stipendio?”.

“Quello che ha raccontato Fazio, le minacce che ha subito, è difficile da accettare. Siamo operatori che fanno un mestiere. Ha tutta la mia vinza e solidarietà”. Al fianco di Fazio il dg Rai Antonio Campo Dall’Orto, intervistato da Aldo a Dogliani. “Il rap tra missione, ree e risorse è centrale. Questo è legato anche al tema del valore. In una situazione molto complessa non è solo un tema di compensi, ma riguarda la libertà d’impresa. Dobbiamo chiarire: generiamo valore? Io dico di sì. Fabio è patrimonio Rai”.

Dall’Orto spiega: “Ingerenza ? Sono arrivato in Rai dopo 22 anni nel privato e non ho esperienza di queste cose. Ho visto modelli tipo fondazioni e trust. Ho avuto il mandato per fare qualcosa di lungo periodo. Soffro quotidianamente per farlo ma continuo a farlo”. Così il direttore generale della Rai, Antonio Campo Dall’Orto, sull’ingerenza della denunciata da Fabio Fazio. “Servono ree chiare e risorse chiare. Il servizio blico deve continuare a rappresentare il Paese, a difendere i valori condivisi unendo innovazione e inclusione”.