ULTIM'ORA

Favola Parma 1-0, Juve grottesca: vince la dignità.

campionato di calcio serie A 2014/2015 Parma - Juventus

di Rosa Della Morte - - 1-0. Tutto ciò che può accadere accade: Murphy colpisce ancora al dini.
“Una grande soddisfazione in un’annata maledetta”. Roberto Donadoni sorride, come si fa da falliti a battere la prima della classe?
“La squadra ha dimostrato carattere e volontà, di essere all’altezza della situazione. Lo spirito di gruppo è fondamentale. Con la dignità vogliamo arrivare in fondo a questa stagione. La classica? Non vivo di rimpianti, la tà è questa, guardiamo avanti”.

“Tutti hanno fatto una prova di sacricio. Giocando ogni 3-4 giorni paghi e abbiamo giocatori con difcoltà siche – ammette Donadoni – Magari questa servirà poco alla ne dell’anno, ma dà spinta per il futuro. Abbiamo la sola strada del sacricio e voglia di dimostrare qualcosa. E oggi abbiamo avuto anche l’aiuto di un amico che ci ha dato lo sponsor sulla maglia”.

Incredibile successo, il batte la con uno stupendo di José Mauri al 60′. Non rubato niente, ai bianconeri re del campionato. Epilogo clamoroso dal fallito che riaccende il campionato e crea impensabili emozioni a e in casa bianconera. La -2 preparata da Allegri in veste non basta: hanno molto deluso e Coman. E l’incredibile è accaduto.

VOTI.
Mendes 7. Lo prendiamo a simbolo della strenua difesa del , capace di azzerare ogni idea- della .
José Mauri 8. E’ molto giovane (18 anni) e molto bravo. Corre e rincorre e quando gli si presenta l’occasione ha la glaciale freddezza del veterano.
Belfodil 8. Scappa dai radar ntini in ogni zona del campo: a destra, a sinistra, al centro, palla al piede non da riferimenti. Ed è lui a dare a Mauri la palla del .

Chiellini 6.Va fuori giri anche lui, talvolta. Ma deve riparare le lacune che Ogbonna e Padoin procurano, e non solo loro.
Vidal 5,5. Nella -2 dovrebbe essere lui il valore aggiunto, che risolve la partita. Ma al di là dell’impegno, un solo lampo di luce dopo mezz’ora, con la palla- respinta da Mirante.
Marchisio 6. Da fuori area, cerca la soluzione. Ci arriva vicino.
Pereyra 5. Tresta, ma senza capire come e dove procedere.
Coman 5. Vale per lui e vale per l’altra delusione, . In due, una sola conclusione verso il (del francesino, a ne primo tempo). Troppo poco.

TABELLINO. - 1-0
(3-5-2): Mirante 6,5; Mendes 7, Santacroce 6,5 (35′ st Cassani sv), Feddal 6,5; Varela 6,5, José Mauri 8 (37′ st Lila sv), Jorquera 7, Nocerino 6,5, Gobbi 6,5; Belfodil 8 (40′ st Prestia sv), Ghezzal 6,5. A disp: Bajza, Broh, Esposito, Coda, Lodi, Iacobucci, Palladino, Haraslin, Taider. All. Donadoni 7,5
(4-3-1-2): Storari 6; Lichtsteiner 6, Ogbonna 5,5, Chiellini 6, Padoin 5; Vidal 5,5, Marchisio 6, Sturaro 5 (22′ st Pepe 5,5); Pereyra 5 (17′ st Morata 5,5); Coman 5 (35′ st Vitale sv), 5. A disp: Rubinho, Bonucci, Evra, Marrone, De Ceglie, Audero, Matri. All. Allegri 5,5
Arbitro: Gervasoni
Marcatori: 15′ st José Mauri (P)
Ammoniti: Mendes, Jorquera, Gobbi (P), Marchisio, Chiellini, Ogbonna (J)

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply