ULTIM'ORA

Coppe, mezzo flop: Viola ok;rischi Juve Roma,Napoli,Inter.

1781899-montella

di Nino Campa - Due vittorie, due sconfitte, 2 pareggi: le italiane soffrono in .
In Champions, vittoria stentata 3-2 della e sconfitta netta 2-0 della a Monaco.
In League, vittoria rotonda del Napoli 3-0 sullo scarso Young Boys, pareggio 1-1 della unica italiana a qualificarsi con 2 giornate di anticipo, pari sofferto 1-1 dell’Inter e sconfitta pesante 2-0 del nel gelo di Helsinki.
Così non va!

Eppure il perverso gioco del rankinh Uefa vede l’Italia risalire al quarto posto dietro Spagna, , .
Nella stagione cominciata ad agosto, grazie alla di Conte, la FIGC ha scavalcato anche la FA (England) e occupa la terza posizione.

Nella classifica generale per nazioni l’Italia ha controsorpassato il Portogallo, per i risultati complessivi nell’ultima 3 giorni europea: ora siamo al 4° posto con 59,010 punti: i lusitani fermi a 57,715.
La Spagna comanda con 87,570 punti, seconda l’ a 73,820, terza la a 71,843.
I numeri stagionali danno invece:
1. : 8,285 punti
2. Spagna: 7,785
3. Italia: 7,500
4. : 7,000.

La Champions League ha confermato che 32 squadre sono troppe: il divario tra le partecipanti è enorme e lo spettacolo comincia solo agli ottavi.
Il bello è che i soldi non sono tutto…chiedete al Manchester City
Gironi formalità per le tedesche Bayern Monaco e Dortmund, le spagnole Real e Barcellona, i francesi del Psg e perfino per il Porto.
La è appesa al filo Malmoe, la deve vincere col CSKA a Mosca e potrebbe centrare una qualificazione che sembrava impossibile.

L’ League è diventata l’ex Coppa delle Fiere – visto che in Italia la vincitrice della Coppa andrà in Champions. Solo la è già ai sedicesimi. Ha fallito la quarta vittoria ma Pasqual ha messo dentro il gol qualificazione.
Il Napoli è dietro un modesto Sparta Praga che maramaldeggia a Bratislava, l’Inter vede i sorci verdi a Saint Etienne, il le busca dai dilettanti di Helsynki. Un mezzo disastro.

e Spagna sono i riferimenti del calcio europeo, che per valori assoluti spaccano il continente.
Il City dimostra che non bastano i soldi ed un allenatore di livello come Pellegrini; squadre come l’Olympiakos e Porto di due paesi dilaniati dalla crisi sono competitive.
In EuroLeague Dinamo Mosca e Salisburgo sono già qualificate: dai russi a punteggio pieno c’era da aspettarselo, Salisburgo è una cittadina di 50.00 abitanti… Le vittorie di Tottenham e Bruges non sono state ancora decisive.

Anche in vale l’adagio: non è importante chi si incontra ma quando. Il livellamento in basso e di una mediocrità mai vista prima.
Chi punta sui giovani, s’accontenta della seconda Coppa per metterli in mostra e venderli…ma ha bisogno anche di vecchi volponi, vedi Soriano del Salisburgo.
La Champions ha la differenza per incassi e prestigio. Chi è fuori è condannato all’anonimato e ai no dei top players.
Certamente Platini sa che il torneo ha perso fascino e qualità della Coppa dei Campioni, ma lo show business salva campionati come la Serie A a pezzi. Però non si può chiedere di più: De Laurentis e Thohir si rassegnino!

Ecco l’Italia, serve il punto.
Tutte in difficoltà.
Allegri non sopporta l’eredità di Conte ed ha chiesto un tresta per cambiare modulo.
s’è svegliato dal sogno: gli schiaffi del Bayern hanno traumatizzato la . Pallotta tiene su l’ambiente confermando l’obiettivo scudetto. Ha speso tanto ma la rosa è ancora incompleta sugli esterni e all’attacco. La fatica a fare gol: in Italia s’arrangia, in serve altro.
Il Napoli terza forza del campionato è solo 5° e in Coppa ha subito l’umiliazione della sconfitta a Berna contro dei ragazzini guidati da un ex so di Maradona. Benitez chiedeva 2 top di qualità, s’arrangia con Inler-Gargano-Jorginho-David Lopez. La difesa traballa, Higuain sìè appena svegliato…
Montella è l’unico ad aver risolto la pratica inter, ma recuperare la pessima classifica sembra impossibile, e non solo per i grandi assenti.
Gomez è appena tornato ma la porta proprio non la vede, Marin ha fatto intuire un potenziale con sprazzi di classe. Ancora troppo poco.
Domenica -Napoli è la grande occasione degli azzurri, sfruttando Samp-Milan.
L’Inter è un caso. Mazzarri è fuori, l’ambiente lo rifiuta, la squadra lo sopporta: Thohir non può cacciarlo perchè non ha 11 milioni da pagare a vuoto!
Come il Napoli è la grande delusione delle prime 10 giornate di campionato. E non si vede via d’uscita.
Il in viaggio premio in , s’accontenta: Cairo ha portato a casa 25 milioni con Immobile-Cerci, Quagliarella sta facendo il suo ma Darmian altro gioiellino e prossimo all’addio.

Quest’è.
Non ci sono moduli e tecnici che tengano. e sono il meglio del tricolore e stiamo facendo la figura dei poverelli.
Per adesso c’è un solo vincitore: Antonio Conte, il quale dove va vince.
Il resto è noia.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply