ULTIM'ORA

Europa: disastro Italia, vincono solo Napoli e Sassuolo!

hapoel.beer.sheva.esultanza.20161.750x450

di Paolo Paoletti – Disastro Italia, solo Napoli e Sassuolo vincono in Europa! Juve, Roma, pareggiano, l’ perde…

Champions ed Europa League hanno svelato il limite del : molta apparenza, poca sostanza; gente che prende una montagna di soldi e meriterebbe di essere presa a calci.
dice che scusa solo Gerson, appena arrivato e utilizzato in una serata diffi.
Sousa ha accusato confusione e poco impegno nella nuova

Mino , prima del disastro totale, ha lanciato una ciambella di ‘salvataggio’: la Champions ha distrutto i campionati.
Forse sapeva che anche lo United di avrebbe pagato dazio in Europa!

Il punto di massimo avvilimento lo tocca l’, inesistente!!!
Pescara sembrava aver fermato l’emorragia, ma dopo un mese con De Boer si è al punto zero: vecchi fantasmi, lacune di sempre, soprat in difesa, dove Ranocchia, D’Ambrosio e Murillo ne fanno di tutte. Troppi i giocatori che non c’entrano più niente con l’, vedi Felipe Melo, lo stesso Ranocchia, Nagatomo, D’Ambrosio, eccetera…

L’ è un colabrodo non solo in difesa, i reparti sono tutti scollegati e non c’è ombra di squadra.
De Boer attendeva una reazione da chi non gioca in campionato, orgoglio e amor proprio… Brozovic passeggia, Melo patetico, si perde anche Medel.
Eder è l’unico che combina qualcosa, un palo che non risolve.

Frank De Boer esagera con il turnover e come a Chievo, Palermo e 75 minuti di Pescara, che non ha chiaro il da farsi. Non c’è gioco, nessuna iniziativa personale: Medel ha accettato di giocare in difesa ma il reparto nei due centrali, chiunque giochi, è da brividi.
L’olandese ha molte colpe, come Thohir, che a10 giorni dal campionato non ha capito che era troppo tardi per cambiare Mancini.
L’ è allo sbando, altro anno perso!

La Roma è ancora depressa per l’eliminazione in Champions e nell’esordio in Europa League, si affida ancora a Totti che entra con Florenzi a 19′ dalla fine.
Tocca pochi palloni, da fermo, ma su due assist Dzeko avrebbe potuto risolvere.
Ma Dzeko è Dzeko… una volta è in ritardo, la seconda lascia rimbalzare il pallone che schizza in braccio al portiere Bolek.

ha ridisegnato la squadra con Iturbe ed El Shaarawy larghi davanti a Perotti tresta. L’egiziano conquista un rigore, Perotti lo segna.

Davanti ad una partita spianata, la Roma ha pensato all’italiana, tentando a gestire sotto ritmo. Il Viktoria però ha aggredito ogni pallone, attaccando l’area con gli esterni. La conseguenza è stata il gol subìto prima del decimo minuto: Bakos di testa, indisturbato, sorprende Alisson. Errore sia di Juan Jesus che si fa anticipare, sia di Allison che dorme tra i pali.

L’unica azione della partita, la Roma l’ha congegnata al 32’: palo di Nainggolan, botta dal limite dell’area sul montante alla sinistra del portiere.
La Roma nel primo tempo è psicologicamente scarica, nel secondo ha perso velocità e precisione. Stanca fisicamente e mentalmente.
Condizione di cui deve farsi carico ma non serve a spiegare una partita mediocre.

In casa Viola Paulo Sousa è snto dell’avvio di stagione di Federico Bernardeschi: “Quest’anno lo vedo confuso. Deve schiarsi le idee dentro e fuori dal campo”.
Sul Paok: “Per quello che abbiamo creato, potevamo vincere. La squadra sta crescendo, i giocatori danno per questa maglia”.

Modi gentili e pacati, parole pesanti sopra per Bernardeschi: “E’ arrivato per ultimo dopo le ferie. L’ho visto confuso, ma spero che possa chiarirsi le idee perché abbiamo bisogno di lui. Lo aspettiamo al suo livello. Deve essere chiaro in quello che fa, sia dentro che fuori dal campo”.

Per fortuna il Sassuolo continua a regalare spettacolo in Europa. Dopo aver superato Lucerna e Stella Rossa nei preliminari, nello storico esordio nella fase a gironi dell’Europa League la squadra di Eusebio Di Francesco batte l’Athletic Bilbao. Primo tempo equilto, con poche occasioni da gol, che invece fioccano nella ripresa. A sbloccare la partita è Pol Lirola, terzino classe ’97 in prestito dalla Juventus, che dopo una bella azione personale batte di sinistro Herrerin.
Il raddoppio è opera di Gregoire Defrel, mentre la ciliegina sulla torta la mette Matteo Politano.
Finisce 3-0, coi neroverdi che balzano in testa al gruppo F, a parimerito con il Rapid Vienna.

TABELLINI.

-HAPOEL BEER SHEVA 0-2
(4-3-3): Handanovic 6; D’Ambrosio 4.5, Ranocchia 4, Murillo 4.5, Nagatomo 5; Felipe Melo 5 (28′ st Icardi 5.5), Medel 5, Brozovic 4.5 (1′ st Banega 5); Biabiany 5 (13′ st Candreva 5.5), Palacio 5, Eder 6. A disp.: Carrizo, Miranda, Santon, Zonta. All.: De Boer 4.5
Hapoel Beer Sheva (3-4-3): Goresh 6.5; Taha 7, Miguel Vitor 7, Tzedek 7; B. Bitton 7.5, Hoban 7, Ogu 6.5, Korhut 6.5 (40′ st Turjman sv); Buzaglo 8 (32′ st Sahar 6), Maranhao 7.5 (22′ st Melikson 6.5), Nwakaeme 7.5. A disp.: Haimov, Ohayon, Broun, Radi. All.: Bakhar 7.5
Arbitro: Kehlet (DEN)
Marcatori: 10′ st Miguel Vitor (H), 25′ st Buzaglo (H)
Ammoniti: Buzaglo (H), Bitton( H), Murillo (I), Turjman (H), Taha (H)

PAOK- 0-0
Paok (4-3-3): Glykos 7; Matos 6,5, Varela 6, Tzavellas 5,5, Leovac 6; Cimirot 6, Canas 6, Pelkas 5,5 (12′ st Shakhov 5,5); Djalma Campos 5 (13′ st Crespo 6), Athanasiadis 5 (34′ st Thiam sv), Rodrigues 6,5. A disp.: Brkic, Kitsiou, Biseswar, Mystakidis. All.: Ivic 5,5
(3-4-1-2): Tatarusanu 6; Salcedo 6,5 (29′ st Bernardeschi 5,5), G. Rodriguez 6, Astori 6; Tomovic 6, Badelj 6,5, Borja ro 5,5, Maxi Olivera 6; Ilicic 5,5 (18′ st Sanchez 6), Kalinic 6, Babacar 6,5 (31′ st Tello 6). A disp.: Lezzerini, De Maio, Cristoforo, Zarate: All.: Sousa 6
Arbitro: Vincic (Slovenia)
Ammoniti: Matos, Rodrigues, Athanasiadis, Shakhov, Varela (P), Ilicic, Kalinic, G. Rodriguez (F)

VIKTORIA PLZEN-ROMA 1-1
Viktoria Plzen (4-4-2): Bolek 6; Mateju 6, Hubnik 6, Hejda 6, Limbersky 6; Kopic 6, Kace 5,5, Horava 6,5, M. Zeman 6,5 (26′ st Petrzela 5,5); Bakos 6,5 (39′ st Poznar sv), Duris 6,5 (32′ st Krmencik sv)
A disp.: Svacek, Reznik, Kovarik, Baranek. All.: Pivarnik 6
Roma (4-3-3): Alisson 6,5; Bruno Peres 5,5, Fazio 5, Manolas 6, Juan Jesus 4; Nainggolan 6, Paredes 6,5, Gerson 4 (1′ st Dzeko 6); Iturbe 5 (25′ st Florenzi 5,5), Perotti 6, El Shaarawy 6 (25′ st Totti 5,5).
A disp.: Szczesny, Strootman, Salah, Seck. All.: 5,5
Arbitro: Ruddy Buquet (Fra)
Marcatori: 3′ rig. Perotti (R), 11′ Bakos (V)
Ammoniti: Mateju, Duris, Horava, Limbersky, Bakos (V); Manolas, Juan Jesus, Paredes (R)

SASSUOLO-ATHLETIC BILBAO 3-0
Sassuolo (4-3-3): Consigli 6; Lirola 7, Cannavaro 6,5, Acerbi 7, Letschert 6; Biondini 6,5, Magnanelli 6,5, Mazzitelli 6,5 (28′ st Duncan 6); Politano 7, Defrel 7 (38′ st Matri sv), Ricci 6 (9′ st Ragusa 6). A disp.: Pegolo, Antei, Pellegrini, Peluso. All.: Di Francesco 7
Athletic Club (4-2-3-1): Herrerin 5,5; De Marcos 5,5, Laporte 5, Yeray 6, Balenziaga 5,5 (32′ st Lekue 5,5); Benat 6, San Jose 5; Merino 5,5, Raul Garcia 5, Muniain 5 (9′ st Susaeta 5); Williams 5 (9′ st Aduriz 5). A disp.: Iraizoz, Boveda, Iturraspe, Vesga. All.: Valverde 5
Arbitro: Raczkowski (Polonia)
Marcatori: 14′ st Lirola, 29′ st Defrel, 37′ st Politano
Ammoniti: Acerbi, Mazzitelli (S); Raul Garcia (A)